Russula queletii

Ritrovamenti e discussioni sui funghi di Specie varie dell'ordine Russulales
Valerio Del Rosario
Principiante
Messaggi: 209
Iscritto il: mar 14 apr 2009, 13:20
Cognome: Del Rosario
Nome: Valerio
Provenienza: Chieti
Località: Chieti

Russula queletii

Messaggio da Valerio Del Rosario » lun 20 lug 2009, 14:03

In bosco misto (acc.. :-x ) di pino e abete rosso (con prevalenza di quest'ultimo). Odore fruttato. Sapore acre. Lamelle chiare. Ho pensato a queletii perchè il colore delle lamelle di sardonia e torulosa dovrebbe essere più carico (o sbaglio ?).
Allegati
1.jpg
1.jpg (132.33 KiB) Visto 2593 volte

Valerio Del Rosario
Principiante
Messaggi: 209
Iscritto il: mar 14 apr 2009, 13:20
Cognome: Del Rosario
Nome: Valerio
Provenienza: Chieti
Località: Chieti

Re: Russula queletii

Messaggio da Valerio Del Rosario » lun 20 lug 2009, 14:05

Le lamelle ed il gambo decisamente pulverulento
Allegati
2.jpg
2.jpg (105.64 KiB) Visto 2591 volte

Valerio Del Rosario
Principiante
Messaggi: 209
Iscritto il: mar 14 apr 2009, 13:20
Cognome: Del Rosario
Nome: Valerio
Provenienza: Chieti
Località: Chieti

Re: Russula queletii

Messaggio da Valerio Del Rosario » lun 20 lug 2009, 14:08

poi però seccando il colore delle lamelle e della base del gambo è cambiato.
Ciao :bye:
Valerio
Allegati
3.jpg
3.jpg (114.29 KiB) Visto 2590 volte

gambr
Senior
Messaggi: 2914
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 22:11
Cognome: Gianni
Nome: Ambrosio
Provenienza: Martignacco (UD)
Località: Martignacco (UD)

Re: Russula queletii

Messaggio da gambr » lun 20 lug 2009, 15:04

A che altitudine e` stata trovata? Quanto acre era?
Le lamelle di R.sardonia diventano rosse se ci passi sopra con la normale ammoniaca. Questa prova te la farebbe escludere :) .

Personalmente sono d'accordo per R.queletii ;)

Ciao
Gianni

Valerio Del Rosario
Principiante
Messaggi: 209
Iscritto il: mar 14 apr 2009, 13:20
Cognome: Del Rosario
Nome: Valerio
Provenienza: Chieti
Località: Chieti

Re: Russula queletii

Messaggio da Valerio Del Rosario » lun 20 lug 2009, 15:17

Ciao Gianni
l'altitudine era circa 1200 m. L'intensità dell'acredine non saprei dirtela, nel senso che a me è parsa non molto accentuata, ma ho tenuto il pezzetto in bocca per poco tempo. Torulosa è da escludere ? Più tardi, se trovo tempo, provo a chiedere alla micobotanica teatina (la locale associazione micologica) se sono così gentili da lasciarmi usare il microscopio per una analisi delle spore. In tal caso è possibile evidenziare la presenza di creste e connessioni anche senza melzer ? La reazione delle lamelle all'ammoniaca si produce anche sul secco ?
Grazie e ciao :bye:
Valerio

gambr
Senior
Messaggi: 2914
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 22:11
Cognome: Gianni
Nome: Ambrosio
Provenienza: Martignacco (UD)
Località: Martignacco (UD)

Re: Russula queletii

Messaggio da gambr » lun 20 lug 2009, 16:09

Valerio Del Rosario ha scritto:Torulosa è da escludere?
Io la escluderei ma e` solo una mia opinione ;)
Valerio Del Rosario ha scritto: In tal caso è possibile evidenziare la presenza di creste e connessioni anche senza melzer?
Credo che in rosso congo ci voglia un po' di occhio in piu` :) In acqua mi sembra difficile.
Valerio Del Rosario ha scritto: La reazione delle lamelle all'ammoniaca si produce anche sul secco ?
Si

Ciao
Gianni

stegiampi
Senior
Messaggi: 3580
Iscritto il: sab 1 dic 2007, 18:58
Cognome: Stefani
Nome: Giampietro
Provenienza: Italia

Re: Russula queletii

Messaggio da stegiampi » lun 20 lug 2009, 18:53

Valerio Del Rosario ha scritto:In bosco misto (acc.. :-x ) di pino e abete rosso (con prevalenza di quest'ultimo). Odore fruttato. Sapore acre. Lamelle chiare. Ho pensato a queletii perchè il colore delle lamelle di sardonia e torulosa dovrebbe essere più carico (o sbaglio ?).
Ciao Valerio,
se c'era il peccio, al 90% è R. queletii.
Per R. torulosa o sardonia penso sia ancora troppo presto.

Per il melzer, puoi recarti persso la farmacia dove sei solito andare e farti preparare una soluzione iodio-iodurata in queste proporzioni
Acqua distillata 20cc
Iodio 0,5 gr.
Ioduro di potassio 1,5 gr.

Se poi trovi il cloralio prendilo in grani ed aggiungilo in pochi grani su un vetrino ad un paio di gocce della soluzione che nel frattempo è diventata Melzer. :D

Ma il cloralio non è indispensabile.

Ciao

Giampietro

Valerio Del Rosario
Principiante
Messaggi: 209
Iscritto il: mar 14 apr 2009, 13:20
Cognome: Del Rosario
Nome: Valerio
Provenienza: Chieti
Località: Chieti

Re: Russula queletii

Messaggio da Valerio Del Rosario » lun 20 lug 2009, 22:33

Grazie a tutti per le informazioni. Oggi ho provato a fare della microscopia. Ho utilizzato del melzer che, però, credo sia stato preparato già moolto tempo fa. Inoltre non ho praticamente nessuna esperienza di microscopia. I risultati sembrerebbero avvalorare la tesi di R. queletii. Focheggiando non ho notato infatti creste o connessioni che unissero le verruche. Posto una foto (quasi -incomprensibile) delle spore a 400x. Quella a 1000x aveva ancora meno dettagli
Ciao :bye:
Valerio

@ Giampietro
Ho provato a chiedere a diverse farmacie di prepararmi il melzer ma per ora non ne ho trovata nessuna che potesse soddisfare la mia richiesta
Allegati
1.jpg
1.jpg (109.28 KiB) Visto 2544 volte

gambr
Senior
Messaggi: 2914
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 22:11
Cognome: Gianni
Nome: Ambrosio
Provenienza: Martignacco (UD)
Località: Martignacco (UD)

Re: Russula queletii

Messaggio da gambr » lun 20 lug 2009, 22:58

Dalla foto purtroppo non si possono trarre conclusioni ma se hai visto tu che non ci sono connessioni ...
Il melzer comunque anche se preparato da molto tempo qualcosa ha fatto :)

Ciao
Gianni

mykol
Senior
Messaggi: 9073
Iscritto il: dom 3 giu 2007, 23:15
Cognome: Baiano
Nome: Giorgio
Provenienza: Italia

Re: Russula queletii

Messaggio da mykol » mer 22 lug 2009, 9:15

il Melzer ha funzionato perfettamente, infatti le ornamentazioni sporali sono nere.

Per le foto a 1000X (usando l'obiettivo 100X) c'è il problema che non si ha "profondità di campo", quindi bisognerebbe scattare più foto variando ogni volta di pochissimo, la messa a fuoco.

Inoltre ovviamente, l'obiettivo 100X è ad immersione d'olio, quindi bisogna, prima dell'osservazione, porre sul vetrino coprioggetto una goccia di olio apposito che dopo l'uso va tolto con una cartina di quelle per pulire le lenti (ad esempio cartine kodak che vendono gli ottici od i negozi di fotografia), pulendo poi la lente dell'obiettivo con qualche goccia di etere o di miscela alcool-etere, ecc... Il liquido da usare dipende dal tipo di colla impiegato per incollare le lenti dell'obiettivo e, sovente, è indicato sul manuale d'uso del microscopio.

Comunque, anche una foto scattata a 400X si può utilizzare "croppandola", cioè, ritagliandone la parte che contiene i particolari da evidenziare (ad esempio una parte di dimensioni 400x300 pixel) in modo da ingrandirla (800x600) come è la dimensione massima accettata dal forum.
In questo modo si ha un ingrandimento di 4x. Ovviamente l'ingrandimento massimo che si può fare dipende dalla risoluzione della foto (numero di megapixel) quindi bisognerà usare la risoluzione massima consentita dalla fotocamera.

Con molte fotocamere di oggi (anche compattine) che raggiungono risoluzioni di 10-12 MP, non dovrebbe essere un grosso problema " ingrandire" una parte di immagine a 800x600 (sovente più che di ingrandire, si tratta ancora di ridurre ...), ovviamente senza esagerare !

Valerio Del Rosario
Principiante
Messaggi: 209
Iscritto il: mar 14 apr 2009, 13:20
Cognome: Del Rosario
Nome: Valerio
Provenienza: Chieti
Località: Chieti

Re: Russula queletii

Messaggio da Valerio Del Rosario » mer 22 lug 2009, 13:02

Ciao Giorgio,
effettivamente avrei dovuto usare l'olio per immersione ma essendo ancora alle prime armi mi sono limitato a girare il revolver ed inserire il 100x. La foto a 400x è già croppata, per praticità, infatti, da un pò di tempo ho abbandonato la compattina per il cellulare. Posto comunque l'immagine originale ridotta ad 800x600. Approfitto per chiedere se un semplice obiettivo acromatico per microscopio da 40x riesce a risolvere comunque particolari "difficili" come l'ornamentazione delle spore delle russule. Chiedo questo perchè l'immagine a 400x all'oculare era abbastanza definita ed interpretabile. Non avendo notato creste e connessioni a 400x questo può dipendere comunque dal potere risolutivo dell'obiettivo ? Senza girarci troppo intorno :D , un microscopio ben costruito con obiettivo 40x acromatico ed apertura 0,65 è sufficiente in micologia ?
Grazie e ciao. :bye:
Valerio
Allegati
5.jpg
5.jpg (41.52 KiB) Visto 2491 volte

carlo
Senior
Messaggi: 5111
Iscritto il: gio 7 giu 2007, 19:37
Cognome: Agnello
Nome: Carlo
Provenienza: Mesagne
Località: Mesagne

Re: Russula queletii

Messaggio da carlo » mer 22 lug 2009, 18:38

Magari senza stare a spendere cifroni in costosissimi obiettivi anche un acromatico 100x è indispensabile :bye:

Valerio Del Rosario
Principiante
Messaggi: 209
Iscritto il: mar 14 apr 2009, 13:20
Cognome: Del Rosario
Nome: Valerio
Provenienza: Chieti
Località: Chieti

Re: Russula queletii

Messaggio da Valerio Del Rosario » gio 23 lug 2009, 8:40

carlo ha scritto:Magari senza stare a spendere cifroni in costosissimi obiettivi anche un acromatico 100x è indispensabile :bye:
Messaggio ricevuto :) , grazie
Ciao :bye:
Valerio

mfilippa
Senior
Messaggi: 5299
Iscritto il: ven 5 ott 2007, 19:23
Cognome: Filippa
Nome: Mario
Provenienza: Agliano Terme (AT)
Località: Agliano Terme (AT)

Re: Russula queletii

Messaggio da mfilippa » mar 15 dic 2009, 0:45

Visto il ritardo con il quale rispondo, magari Valerio si è già comprato un supermicroscopio!
Comunque, concordando naturalmente con Carlo per la necessità del 100x ad immersione, rilevo che il problema più grosso di quanto fotografato non è l'obiettivo ma il preparato! Certamente un po' di esperienza in più è necessaria. Ritengo che il preparato comprendesse un pezzo di lamella troppo grosso e quindi molto spesso, qielle due spore sono là un po' per caso in una goccia di liquido. Lo strato di liquido fra i due vetrini deve essere il più possibile sottile e di spessore uguale su tutta la superficie.
pulendo poi la lente dell'obiettivo con qualche goccia di etere o di miscela alcool-etere, ecc... Il liquido da usare dipende dal tipo di colla impiegato per incollare le lenti dell'obiettivo e, sovente, è indicato sul manuale d'uso del microscopio.
mykol dici bene ma attenzione, così sembra che sia necessario pulire l'obiettivo dopo ogni vetrino...! Per preservare le ottiche la cosa migliore è pulirle il meno possibile...! Ritengo necessario pulire l'obiettivo solo se si prevedono tempi lunghi (mesi) di inutilizzo del microscopio. A meno che non si utilizzi un olio che tende a diventare denso, solidificare, ecc. rapidamente, nel qual caso la soluzione migliore non è pulire sovente l'obiettivo ma... cambiare olio! ;)

stegiampi
Senior
Messaggi: 3580
Iscritto il: sab 1 dic 2007, 18:58
Cognome: Stefani
Nome: Giampietro
Provenienza: Italia

Re: Russula queletii

Messaggio da stegiampi » mar 15 dic 2009, 10:10

mfilippa ha scritto:
pulendo poi la lente dell'obiettivo con qualche goccia di etere o di miscela alcool-etere, ecc... Il liquido da usare dipende dal tipo di colla impiegato per incollare le lenti dell'obiettivo e, sovente, è indicato sul manuale d'uso del microscopio.
mykol dici bene ma attenzione, così sembra che sia necessario pulire l'obiettivo dopo ogni vetrino...! Per preservare le ottiche la cosa migliore è pulirle il meno possibile...! Ritengo necessario pulire l'obiettivo solo se si prevedono tempi lunghi (mesi) di inutilizzo del microscopio. A meno che non si utilizzi un olio che tende a diventare denso, solidificare, ecc. rapidamente, nel qual caso la soluzione migliore non è pulire sovente l'obiettivo ma... cambiare olio! ;)
Io lo pulisco proprio dopo ogni vetrino. :D
Evito di usare solventi (mai usati) che possono penetrare le lenti, ma asciugo solo con carta morbida (gli asciugoni per cucina vanno benissimo).
Ma attenzione che anche l'olio se lasciato al contatto della lente per lungo tempo può causare inconvenienti che non riguardano solo le incrostazioni esterne che sono sempre rimovibili manualmente, ma con il passare del tempo e il calore della lampadina si possono alterare le colle usate per assemblare la lenti ed incollarle all'obiettivo e quindi l'olio può infiltrarsi. Perciò più a lunglo l'olio rimane a contatto con la lente, più si corre il rischio di infiltrazioni.

:bye:


Giampietro

gambr
Senior
Messaggi: 2914
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 22:11
Cognome: Gianni
Nome: Ambrosio
Provenienza: Martignacco (UD)
Località: Martignacco (UD)

Re: Russula queletii

Messaggio da gambr » mar 15 dic 2009, 11:02

Io pulisco a fine di ogni seduta di osservazione. Raramente piu` volte. Uso la morbida ... carta igienica :D

Ciao
Giani

Micogian
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 1934
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 10:12
Cognome: Dose
Nome: Giovanni
Provenienza: Udine
Località: Feletto Umberto (Udine)

Re: Russula queletii

Messaggio da Micogian » mar 15 dic 2009, 11:55

stegiampi ha scritto: Ma attenzione che anche l'olio se lasciato al contatto della lente per lungo tempo può causare inconvenienti che non riguardano solo le incrostazioni esterne che sono sempre rimovibili manualmente, ma con il passare del tempo e il calore della lampadina si possono alterare le colle usate per assemblare la lenti ed incollarle all'obiettivo e quindi l'olio può infiltrarsi. Perciò più a lunglo l'olio rimane a contatto con la lente, più si corre il rischio di infiltrazioni.

:bye:


Giampietro
Parole sante. A me è successo che mi sono dimenticato il vetrino con l'olio di immersione e mi si sono scollate le lenti dell'obiettivo. :cry:
Fortuna che era quello standard e questo mi ha spinto ad acquistare un "planare".
Ora sto più attento.

Approfitto per mettere in evidenza un aspetto tecnico relativo ai Posts. A volte, come in questo caso, si usano le abbreviazioni nei titoli o nel testo, dando per scontato che il nome del Genere sia sottinteso.
Credo che nessuno abbia problemi a capire che per R.quelettii si intenda Russula queletii, ma il Computer no.
In pratica, visto che è allo studio un sistema che consenta di trovare le discussioni sulle varie specie, una eventuale ricerca di Russula queletii escluderebbe questo post.
Il consiglio quindi è di inserire nel titolo e nel testo almeno una volta il nome completo.

:bye: Gianni

mfilippa
Senior
Messaggi: 5299
Iscritto il: ven 5 ott 2007, 19:23
Cognome: Filippa
Nome: Mario
Provenienza: Agliano Terme (AT)
Località: Agliano Terme (AT)

Re: Russula queletii

Messaggio da mfilippa » mar 15 dic 2009, 13:07

Bene, ringrazio per la segnalazione di possibili danni anche da parte dell'olio, non ne ero a conoscenza.
Pulire alla perfezione con sola carta igienica ovviamente è impossible, certo si elimina l'eccesso che potrebbe eventualmente danneggiare le lenti. Ma mi chiedo se il residuo di olio che rimane sull'obiettivo in piccole quantità non possa essiccare o solidificare più facilmente, proprio perché ce n'è poco, e non risulti poi più difficile da rimuovere senza solventi.
Che ne dite?
e il calore della lampadina
questo mi fa pensare che molte cose dipendono da come è costruito il microscopio. Escludo nel modo più assoluto che sul mio microscopio la lampadina possa riscaldare l'obiettivo in maniera apprezzabile.

Ritengo comunque che la cosa migliore sia attenersi scrupolosamente alle istruzioni fornite dal fabbricante del microscopio, se non altro per avere titolo a risarcimenti in caso di problemi! :bye:

mfilippa
Senior
Messaggi: 5299
Iscritto il: ven 5 ott 2007, 19:23
Cognome: Filippa
Nome: Mario
Provenienza: Agliano Terme (AT)
Località: Agliano Terme (AT)

Re: Russula queletii

Messaggio da mfilippa » mar 15 dic 2009, 13:10

Credo che nessuno abbia problemi a capire che per R.quelettii si intenda Russula queletii, ma il Computer no.
In pratica, visto che è allo studio un sistema che consenta di trovare le discussioni sulle varie specie, una eventuale ricerca di Russula queletii escluderebbe questo post.
Il consiglio quindi è di inserire nel titolo e nel testo almeno una volta il nome completo.
OK.
Consiglio comunque di implementare per la ricerca un piccolo algoritmo che "estragga" il nome abbreviato e cerchi anche quello nei post ;) i computer servono per semplificare la vita a noi, no? :D

gambr
Senior
Messaggi: 2914
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 22:11
Cognome: Gianni
Nome: Ambrosio
Provenienza: Martignacco (UD)
Località: Martignacco (UD)

Re: Russula queletii

Messaggio da gambr » mar 15 dic 2009, 13:46

mfilippa ha scritto: Pulire alla perfezione con sola carta igienica ovviamente è impossible
Scusate mi correggo e specifico. Uso la semplice carta igienica per pulire dopo ogni vetrino, mentre invece uso un panno morbido per occhiali e una soluzione per lenti alla fine della seduta.

Ciao
Gianni

mykol
Senior
Messaggi: 9073
Iscritto il: dom 3 giu 2007, 23:15
Cognome: Baiano
Nome: Giorgio
Provenienza: Italia

Re: Russula queletii

Messaggio da mykol » mer 16 dic 2009, 1:55

Assodato che le lenti (sopratutto dell'obiettivo ad immersione) vanno pulite, il problema fondamentale é "come" e "con cosa".

Queste domande non hanno una risposta univoca, ma la procedura da seguire dipende essenzialmente dal materiale (vetri speciali o ... plastica) con il quale sono costruite le lenti, i trattamenti ai quali esse sono state sottoposte ed il tipo di "colla" usato per "assemblarle" dal fabbricante.

Essenziale (sopratutto per evitare danni) é seguire alla lettera le istruzioni del fabbricante (quando ... ci sono, microscopi di marca di un certo livello ...). Negli altri casi forse é consigliabile usare un liquido di pulizia poco "aggressivo", come ad esempio, una miscela 1:1 di etanolo (alcool etilico puro) ed etere etilico, usandone la minima quantità possibile ed asciugando subito la lente frontale con cartine ottiche (quelle per pulire gli occhiali, che non rigano, ad esempio della Kodak) oppure un panno morbido da occhiali che non lascia peli. Ovviamente essi devono essere puliti e sopratutto non contaminati da granellini di polvere che potrebbero rigare le lenti.

Indicazioni, trucchi e consigli sui materiali da usare si trovano di solito su alcuni forum di fotografia.

bruno
Principiante
Messaggi: 399
Iscritto il: dom 8 lug 2007, 17:27
Cognome: de Ruvo
Nome: Bruno
Provenienza: Italia
Località: Teramo
Contatta:

Re: Russula queletii

Messaggio da bruno » mer 16 dic 2009, 15:41

Ciao,

non uso microscopio ma credo che usare una bomboletta ad aria compressa e per la pulizia delle lenti il liquido "Eclipse E2" usato in fotografia
anche per il sensore possa aiutare molto.

ciao

bruno

Valerio Del Rosario
Principiante
Messaggi: 209
Iscritto il: mar 14 apr 2009, 13:20
Cognome: Del Rosario
Nome: Valerio
Provenienza: Chieti
Località: Chieti

Re: Russula queletii

Messaggio da Valerio Del Rosario » ven 26 mar 2010, 17:12

Ciao a tutti,
ci crediate o no a causa di questa :cloud: russula ho comprato il microscopio. Ho aspettato qualche tempo per trovare uno strumento di seconda mano e devo dire di essere stato moooolto fortunato. Prima di presentare le foto, perciò, mi permetto di consigliare a chi si accinge ad acquistare un microscopio di non avere fretta ed aspettare...prima o poi qualcosa di decente arriva anche a prezzi decisamente bassi. Vorrei ringraziare poi chi mi ha suggerito di non rinunciare all'obiettivo 100x ad immersione :applause:
E adesso le spore.
Alcune con connessioni evidenti (visibili solo con il 100x ;) )
Allegati
1.jpg
1.jpg (48.87 KiB) Visto 2240 volte
Ultima modifica di Valerio Del Rosario il ven 26 mar 2010, 19:01, modificato 1 volta in totale.

Valerio Del Rosario
Principiante
Messaggi: 209
Iscritto il: mar 14 apr 2009, 13:20
Cognome: Del Rosario
Nome: Valerio
Provenienza: Chieti
Località: Chieti

Re: Russula queletii

Messaggio da Valerio Del Rosario » ven 26 mar 2010, 17:13

altre con connessioni meno evidenti
Allegati
2.jpg
2.jpg (78.36 KiB) Visto 2240 volte

Valerio Del Rosario
Principiante
Messaggi: 209
Iscritto il: mar 14 apr 2009, 13:20
Cognome: Del Rosario
Nome: Valerio
Provenienza: Chieti
Località: Chieti

Re: Russula queletii

Messaggio da Valerio Del Rosario » ven 26 mar 2010, 17:14

...o quasi assenti
Allegati
3.jpg
3.jpg (75.66 KiB) Visto 2240 volte

Valerio Del Rosario
Principiante
Messaggi: 209
Iscritto il: mar 14 apr 2009, 13:20
Cognome: Del Rosario
Nome: Valerio
Provenienza: Chieti
Località: Chieti

Re: Russula queletii

Messaggio da Valerio Del Rosario » ven 26 mar 2010, 17:15

Il profilo sporale....
Allegati
5.jpg
5.jpg (88.73 KiB) Visto 2240 volte

Valerio Del Rosario
Principiante
Messaggi: 209
Iscritto il: mar 14 apr 2009, 13:20
Cognome: Del Rosario
Nome: Valerio
Provenienza: Chieti
Località: Chieti

Re: Russula queletii

Messaggio da Valerio Del Rosario » ven 26 mar 2010, 17:19

La mancanza di reazione delle lamelle all'ammoniaca mi fa propendere per torulosa, tuttavia un pensierino a qualche specie meno comune :fischiettare:

Ciao.
Valerio
P.S. personalmente per la pulizia dell'obiettivo ad olio ho cominciato ad usare la benzina avio (è uno smacchiatore che si trova facilmente al supermercato). Vi farò sapere se e quando si staccherà la lente :D

carlo
Senior
Messaggi: 5111
Iscritto il: gio 7 giu 2007, 19:37
Cognome: Agnello
Nome: Carlo
Provenienza: Mesagne
Località: Mesagne

Re: Russula queletii

Messaggio da carlo » ven 26 mar 2010, 18:42

Valerio Del Rosario ha scritto:personalmente per la pulizia dell'obiettivo ad olio ho cominciato ad usare la benzina avio (è uno smacchiatore che si trova facilmente al supermercato). Vi farò sapere se e quando si staccherà la lente :D
noooooooooooooo...Molti obiettivi hanno o-ring, tenute, ecc. in materiale plastico !!!!!!!!!!!!!!!! I soli vapori del prodotto che stai usando possono rovinare tutto. Usa semplicemente alcool o "vedo chiaro" o quello spray detergente della 3M ma non benzina o altri solventi :o

stegiampi
Senior
Messaggi: 3580
Iscritto il: sab 1 dic 2007, 18:58
Cognome: Stefani
Nome: Giampietro
Provenienza: Italia

Re: Russula queletii

Messaggio da stegiampi » sab 27 mar 2010, 18:33

Spero che il consiglio di Carlo ti sia arrivato in tempo.
Mai usare solventi forti per la pulizia delle lenti.
Se non hai rovinato l'obiettivo ritienti fortunato, ma non abusare. :D

Per quanto riguarda la specie della Russula io penso sia sempre R.queletii.
Quelle verruche che hai evidenziato sono certemente alte più di 1 µ e quindi non può essere torulosa.
Anche il reticolo è vagamente accennato e non esteso come in torulosa che presenta un reticolo esteso e abbastanza completo.

Vediamo i pileocistidi.

Ciao

Giampietro

Valerio Del Rosario
Principiante
Messaggi: 209
Iscritto il: mar 14 apr 2009, 13:20
Cognome: Del Rosario
Nome: Valerio
Provenienza: Chieti
Località: Chieti

Re: Russula queletii

Messaggio da Valerio Del Rosario » dom 28 mar 2010, 19:02

Per ora non mi pare l'obiettivo abbia subito danni, le prossime volte sarò più cauto :innocent:
Posso confermare che effettivamente le spore hanno rare connessioni e reticoli, più frequenti sono le verruche quasi appressate.
Per quanto attiene ai pileocistidi, non avendo a disposizione coloranti e reagenti (sono agli inizi e ho difficoltà a procurarmeli) :sorry: ho provato ad analizzare la cuticola in acqua. Questi sono i risultati, non so se possono essere utili
Allegati
Cuticola1.JPG
Cuticola1.JPG (42.56 KiB) Visto 2212 volte

Rispondi

Torna a “Russulales”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti