Agarici d'oliveto

Agaricaceae, Amanitaceae, Bolbitiaceae, Coprinaceae, Cortinariaceae, Crepidotaceae, Entolomataceae, Hygrophoraceae,Marasmiaceae, Pleurotaceae, Pluteraceae, Strophariaceae, Tricholomataceae
Marco Sperti
Principiante
Messaggi: 465
Iscritto il: gio 15 gen 2009, 21:20
Cognome: Sperti Marchetti
Nome: Marco
Provenienza: Tricase
Località: Tricase (Le)

Re: Agarici d'oliveto

Messaggio da Marco Sperti » lun 11 mag 2009, 9:05

Hai ragione Ennio, mi devi scusare. Il problema però, come ho già detto, è che non abbiamo il micrometrico, ma solo un reticolo per misurazioni approssimative; e... anziché approssimare, ho preferito limitarmi ad escludere l'ipotesi "spore grandi". Diciamo comunque che la lunghezza delle spore (presunte) mature è compresa mediamente fra 6 e 8 (si parla dell'asse maggiore, ovviamente).
Non ho provato la reazione di Schaeffer in quanto mi mancano i relativi composti.
La specie è sempre la stessa, anche se le foto possono trarre in inganno. Anche qui devo chiederti/vi scusa: se la resa fotografica out e indoor è così diversa, forse conviene scegliere o l'una o l'altra. Le foto indoor sono assai più attendibili e dettagliate: puoi/potete benissimo ignorare le prime, quelle tra le foglie d'olivo, e concentrarvi sulle seconde, quelle su marmo.
Come ho già scritto, conservo il secco per ogni evenienza. Per parte mia, se mi riuscirà di immortalare decentemente qualche dettaglio micro, lo pubblicherò senza indugi.

mykol
Senior
Messaggi: 9117
Iscritto il: dom 3 giu 2007, 23:15
Cognome: Baiano
Nome: Giorgio
Provenienza: Italia

Re: Agarici d'oliveto

Messaggio da mykol » mar 12 mag 2009, 0:49

per le foto basta poco, anche una compattina da 100 E può andare bene. Stasera è venuto al gruppo un socio con una Samsung L700 ed abbiamo provato a fare alcune foto al microscopio, solo tenendo la fotocamera (a mano, non fissata) ad un paio di CM dall'oculare del microscopio e zoomando un pò ed il risultao è più che buono. Con un tubo di raccordo (forse potrebbe andare anche bene un contenitore di pellicola tagliato ...) in modo che la camera stia ferma, il gioco è fatto ...

gambr
Senior
Messaggi: 2927
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 22:11
Cognome: ------
Nome: Gianni
Provenienza: Udine

Re: Agarici d'oliveto

Messaggio da gambr » mar 12 mag 2009, 9:54

mykol ha scritto:per le foto basta poco, anche una compattina da 100 E può andare bene.
Guarda, saro` io impedito ma con la compatta davanti all'oculare se una su 20 mi veniva non mossa era una vera impresa! Direi frustrante. :cry:

Ciao
Gianni

StefanoMorini
Novizio
Messaggi: 964
Iscritto il: mer 3 dic 2008, 23:32
Cognome: MORINI
Nome: STEFANO
Provenienza: ITALY
Località: IMOLA

Re: Agarici d'oliveto

Messaggio da StefanoMorini » mar 12 mag 2009, 14:35

Ciao Marco,
io fotografo al microscopio con la mia Canon powershot A630 (29 mm) con connettore artiginale fatto prolungando l'oculare con una guaina semirigida e il risultato non mi sembra malvagio.
L'importante è fare un buon preparato sul vetrino, avere un microscopio con una buona ottica sempre ben pulita e revisionata (non è affatto necessario un microscopio da 5000 euro) e impostare bene (con tante prove) la digitale con un settaggio ottimale per quelle foto.
Dopidichè con qualsiasi software fotografico ridimensioni, dai luce e contrasto secondo necessità ecc..
Ciao :bye:
Stefano

mykol
Senior
Messaggi: 9117
Iscritto il: dom 3 giu 2007, 23:15
Cognome: Baiano
Nome: Giorgio
Provenienza: Italia

Re: Agarici d'oliveto

Messaggio da mykol » dom 2 ago 2009, 21:49

se a qualcuno interessa potrei postare l'indirizzo di una ditta di Parigi che vende un apparecchio che serve a collegare una compattina su di un telescopio (ma anche su un microscopio) fissandola sull'asse ottico di un tubo porta oculari dello stesso. Tramite un adatto sistema di viti la si può regolare in modo che sia perfettamente allineata sull'asse ottico ed alla giusta distanza dall'oculare (che dipende ovviamente dalla focale dell'obiettivo della compatta).

I risultati sono più che buoni. Il costo (spese di spedizione comprese) é di circa 55 Euro ...

Agaricus
Esperto
Messaggi: 2122
Iscritto il: dom 6 mag 2007, 21:02
Cognome: Carassai
Nome: Ennio
Provenienza: Macerata
Località: Macerata
Contatta:

Re: Agarici d'oliveto

Messaggio da Agaricus » lun 3 ago 2009, 0:31

mykol ha scritto:se a qualcuno interessa potrei postare l'indirizzo di una ditta di Parigi che vende un apparecchio che serve a collegare una compattina su di un telescopio (ma anche su un microscopio) fissandola sull'asse ottico di un tubo porta oculari dello stesso. Tramite un adatto sistema di viti la si può regolare in modo che sia perfettamente allineata sull'asse ottico ed alla giusta distanza dall'oculare (che dipende ovviamente dalla focale dell'obiettivo della compatta).

I risultati sono più che buoni. Il costo (spese di spedizione comprese) é di circa 55 Euro ...
Ciao Giorgio,
la cosa è interessante, c'è eventualmente anche un sito dove si può vedere meglio questo aggeggio?, grazie per l'informazione,
Ennio.

mykol
Senior
Messaggi: 9117
Iscritto il: dom 3 giu 2007, 23:15
Cognome: Baiano
Nome: Giorgio
Provenienza: Italia

Re: Agarici d'oliveto

Messaggio da mykol » gio 6 ago 2009, 0:37

ciao Ennio, ora sono al mare, ma faccio una ricerca nella mia posta e te lo ... posto !

Comunque è un aggeggio molto pratico che va bene per qualsiasi compatta.

La Chiusa Lillo
Principiante
Messaggi: 450
Iscritto il: lun 11 gen 2010, 19:44
Cognome: La Chiusa
Nome: Lillo
Provenienza: Pessano (MI)

Re: Agarici d'oliveto

Messaggio da La Chiusa Lillo » dom 24 gen 2010, 19:14

Ragazzi avete provato a confrontarlo con A. maskae (in ss.) ?, non A. litoralis (= A. spissicaulis).
Ricordatevi che c'è ancora da consultare l'eccellente monografia di Cappelli che ha insegnato e insegna ancora a molti a riconoscere gli Agaricus, e non dimenticate che i sinonimi eterotipici sono soggettivi, quindi discutibili e non assoluti (a tal proposito, Nauta, Parra, e tutti gli altri AA. dicono solo la loro opinione, nessuno recita il vangelo, la storia micologica ci insegna).
Tra le specie che gravitano attorno a A. arvensis (odore di anice, ingiallimento delle superfici, ma soprattutto la reazione di Schaffer positiva RS+, anilina + acido nitrico = color arancio, che non vedo mai considerare), vi consiglio di focalizzare l'attenzione sulla base del gambo con radichetta miceliare che mi pare di notare nelle foto, escluto per mia esperienza A. bresadolanus (= A. romagnasii).
Ciao a tutti con affetto Lillo

Agaricus
Esperto
Messaggi: 2122
Iscritto il: dom 6 mag 2007, 21:02
Cognome: Carassai
Nome: Ennio
Provenienza: Macerata
Località: Macerata
Contatta:

Re: Agarici d'oliveto

Messaggio da Agaricus » lun 25 gen 2010, 12:41

Caro Lillo,
apprezzo molto queste tu "rivisitazioni" dei vecchi posti, servono indubbiamente a riesaminare con calma le ipotesi fatte a suo tempo, alla luce delle ulteriori osservazioni inserite.
La tua ipotesi di A. litoralis, mi sembra possa essere più che valida; poi sulle sinonimie, ognuno segue +/- diverse "scuole di pensiero".
Una cosa è certa, la pubblicazione di Alberto Cappelli (1984) è sicuramente ancora oggi, un validissimo punto di riferimento per quanti sono appassionati di Agaricus e Alberto è una persona che oltre che molto competente è sempre disponibile per ogni "consulenza" e scambio di informazioni; peccato che sia un pò "restio" a partecipare nei forum, la sua attiva partecipazione, sarebbe di grande aiuto a molti neofiti di questo Genere.
un salutone,
Ennio.
PS: quando l'ho fotografato, a quei tempi, veniva chiamato ancora A. maskae Pilàt.
Allegati
litoralis 1.jpg
litoralis 1.jpg (178.77 KiB) Visto 1649 volte

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 27 ospiti