Oltre il micro !

L'incredibile mondo della microscopia naturalistica.
Rispondi
Enotria
Messaggi: 48
Iscritto il: dom 17 gen 2016, 17:27
Cognome: Bosi
Nome: Andrea
Provenienza: Ferrara
Località: Ferrara
Contatta:

Oltre il micro !

Messaggio da Enotria » mar 19 gen 2016, 19:07

.

La fotografia, nel mondo del estremamente piccolo, è il connubio di due aspetti fra loro molto diversi ma, nello stesso tempo, complementari.

Il primo aspetto, fondamentale, è utilizzare lo strumento adatto allo scopo, il secondo, altrettanto importante, è impiegare la tecnica giusta e che riesce a mettere in evidenza la caratteristica che vogliamo evidenziare.

:cong: "Guarda che così non ti capisce nessuno ! Spiegati meglio !" :cong:


Facciamo allora un esempio: andiamo in cucina e prendiamo uno spicchio di aglio.
Mentre la moglie guarda preoccupata, strappiamo una pellicina dal bulbo, una di quelle esterne.

Ammettiamo ora che questa pellicina sia lo scopo della nostra ricerca: certo possiamo fotografarla, più o meno ingrandita, ma a parte cellule morte e fibre di vecchi vasi, troveremo ben poco di interessante e questo anche se utilizziamo un sia pur ottimo microscopio.
1.JPG
1.JPG (149.76 KiB) Visto 1276 volte
Quello che possiamo osservare è che le cellule ora sono tutte devitalizzate, non vi è più il nucleo, ne gli altri organelli tipici della vita, ma, al contrario, si notano le pareti cellulari ora molto inspessite per depositi di cellulosa e lignina e, in molte cellule, la formazione di depositi di materiale di scarto.

:cong: "Ed allora, cosa hai dimostrato ? Io non ho ancora capito nulla !" :cong:


Certo, infatti abbiamo usato lo strumento giusto, ma manca ancora la tecnica adatta per vedere ciò che la Natura ci nasconde.

Allora, proviamo ad usare, al posto della luce solita, una luce polarizzata:
2.JPG
2.JPG (132.76 KiB) Visto 1276 volte

Lo strumento è lo stesso, ma questa volta una tecnica mirata allo scopo ci fa vedere che dentro la cellula vi sono tanti piccoli cristalli birifrangenti. La polarizzazione, mediante opportune misurazioni ed indagini, mette così in evidenza la reale natura di questi depositi: cristalli di ossalato di calcio.

(Continua)

:bye:
Ultima modifica di Enotria il mar 19 gen 2016, 19:19, modificato 1 volta in totale.

Enotria
Messaggi: 48
Iscritto il: dom 17 gen 2016, 17:27
Cognome: Bosi
Nome: Andrea
Provenienza: Ferrara
Località: Ferrara
Contatta:

Re: Oltre il micro !

Messaggio da Enotria » mar 19 gen 2016, 19:17

Andiamo avanti, ancora stesso strumento, ma tecnica diversa: utilizziamo per illuminare il nostro aglio un fascio di luce blu monocromatica e vediamo cosa succede.

:cong: "Cosa vuoi che succeda ? Hai scoperto l'aglio blu, quello che puzza di più !" :cong:



No, al contrario, il microscopio elimina la luce blu che era stata inviata ad illuminare e ci fa vedere una luminosità che si è creata ex novo: attorno ai cristalli si è formata una bellissima luce giallo-verde, una fluorescenza naturale.
3.JPG
3.JPG (58.02 KiB) Visto 1275 volte

Quindi, ancora un'altra tecnica di visione, ancora più specifica, ci ha fornito delle ulteriori informazioni: i cristalli sono fluorescenti e noi ora ne vediamo benissimo la luce gialla che viene emessa, quando vengono eccitati dalla luce blu.

Ma allora, dove cavolo sono esattamente posizionati questi cristalli ?

Non dentro le singole cellule, altrimenti la luce non sarebbe visibile o, almeno, sarebbe fortemente attenuata.
E se invece sono all'esterno delle cellule e quindi sulla stessa pellicola, come mai scorrendo con le dita non sentiamo almeno una rugosità, tipo carta vetrata, un qualsiasi indice della presenza di questi cristalli sulla superficie esterna ?


Se vogliamo andare oltre, per forza di cose, dobbiamo utilizzare una nuova tecnica, qualche cosa che ci possa dare indicazioni sulla struttura tridimensionale di ciò che stiamo osservando, altrimenti non ci caviamo i piedi.

Già, perché noi non le utilizziamo mai, ma il microscopio ci da informazioni che sono valide sul piano X e Y, ma anche sulla profondità, piano Z, solo che noi non ne teniamo mai conto.

Allora, tutto da capo !

Stessa attrezzatura, ma tecnica nuova: ricorriamo allo stack di più fotografie che verranno scattate in successione e di un adatto software che, questa volta, tenga conto non solo della posizione sul piano di ogni punto, ma anche della sua altezza dalla base del piano.

:cong: "No ! No! Io me ne vado a letto !" :cong:

Ma no, dai che è semplice, solo che il risultato del nostro lavoro, essendo tridimensionale, sarà molto più evidente se visto tramite un filmato, piuttosto che in una semplice foto:




Ecco dove si sono cacciati i cristalli, sono dentro delle cavità !

Ecco perché la pellicina è liscia ed i cristalli non “grattano”.

E poi non è dal cristallo che esce la luce fluorescente, ma solo dalla superficie di contatto fra il cristallo e la parete cellulare !

E di nuovo alcune risposte aprono a nuovi interrogativi: come mai la fluorescenza non esce da tutte le pareti del cristallo, ma solo da quella inferiore ? Perché ?

Questa tecnica ci permette allora di fare altre considerazioni, altre ipotesi: discutendo con amici esperti di cristallografia, abbiamo ipotizzato che la fluorescenza si formi a contatto con la cellula a causa delle deformazioni che il cristallo subisce durante la sua formazione. L’attrito fra la faccia del cristallo e la superficie della cellula, impedisce la regolare formazione del cristallo, predisponendo così alla strana fluorescenza.

E la storia della ricerca microscopica potrebbe continuare ancora, questo era solo un esempio di come, affinando i mezzi ed i metodi, sia possibile approfondire sempre più la nostra indagine.


Vi chiedo scusa se sono stato barboso, era solo per chiarire che nella fotografia microscopica il risultato tecnico dipende sempre dalla giusta accoppiata strumento/tecnica mirata, per cui, se vogliamo fare le cose per bene, dovremo sempre trattare al meglio entrambi gli aspetti.

Peccato solo che, con più noi indaghiamo a fondo un argomento, con più nuovi problemi e nuovi interrogativi chiedono di venire risolti.

E’ una storia che non finisce mai, è la storia della microscopia !

:bye:

Artù
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 4850
Iscritto il: mer 21 mar 2007, 9:20
Cognome: Baglivo
Nome: Arturo
Provenienza: Lecce
Località: Lecce

Re: Oltre il micro !

Messaggio da Artù » mar 19 gen 2016, 22:56

pronto a seguire questa storia! :applause:

Mordasini Eli
Novizio Esperto
Messaggi: 1310
Iscritto il: gio 10 feb 2011, 23:36
Cognome: Mordasini
Nome: Eli
Provenienza: Spruga Ti. CH
Contatta:

Re: Oltre il micro !

Messaggio da Mordasini Eli » mar 19 gen 2016, 23:41

grazie mille

c'é asempre molto da imparare anche quando si crede di sapere molto cioa lei m
eli m

gambr
Senior
Messaggi: 2926
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 22:11
Cognome: ------
Nome: Gianni
Provenienza: Udine

Re: Oltre il micro !

Messaggio da gambr » mer 20 gen 2016, 0:32

Interessante però ...
nel caso specifico dell'aglio qualcuno prima, grazie a fattore Q o genio, ha usato la luce polarizzata e ha scoperto i cristalli. Il resto, come usare un software per impilare la profondità è solo tecnologia.
Quindi, passando ai nostri amati funghi, dovremmo avere un po' di fattore Q o genio per scoprire qualcosa. Esempio: studio una russola, le spore in particolare. Cosa ci posso fare con le conoscenze attuali se non ricostruire la terza dimensione?

Ciao
Gianni

Enotria
Messaggi: 48
Iscritto il: dom 17 gen 2016, 17:27
Cognome: Bosi
Nome: Andrea
Provenienza: Ferrara
Località: Ferrara
Contatta:

Re: Oltre il micro !

Messaggio da Enotria » mer 20 gen 2016, 1:07

gambr ha scritto:Interessante però ... cosa ci posso fare con le conoscenze attuali se non ricostruire la terza dimensione ?
Non lo so Gianni, non te lo so dire. :sorry:

Io so ben poco di micologia, proprio per questo mi piacerebbe studiare assieme ad un micologo di Ferrara in quale modo la tecnica microscopica può esservi di aiuto.

Per ora mi accontento di accennare ai vari aspetti della microscopia e della tecnica microscopica, male non farà.
Del resto spero proprio che fra voi ci sia qualcuno che voglia utilizzare il microscopio anche per qualcosa d'altro che non sia la misurazione delle spore. ;)


:bye:

gambr
Senior
Messaggi: 2926
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 22:11
Cognome: ------
Nome: Gianni
Provenienza: Udine

Re: Oltre il micro !

Messaggio da gambr » mer 20 gen 2016, 10:03

Enotria ha scritto:voglia utilizzare il microscopio anche per qualcosa d'altro che non sia la misurazione delle spore. ;)
... pensavo di farci un uovo strapazzato ... :D
Guarda che nemmeno nel tuo esempio hai fatto molto di piu` che "osservare" con il microscopio. Ora mi spiego meglio. Lo strumento microscopio serve per osservare e non e` che di per se` ti permetta di fare altro. Pero` chi lo usa puo` aggiungere qualche cosa in piu` a quello che osserva. Ora, chi studia funghi al microscopio non si limita a osservare le spore in acqua e misurarle. Il problema e` che per aggiungere quel qualcosa in piu` ci vuole appunto genio o Q perche` ogni genere o particolare specie ha le sue ... magie. Ad esempio, solo per parlare del genere Russula a me caro, qualcuno ha scoperto che le decorazioni sporali e la plaga ilare sono o possono essere piu` o meno amiloidi, e da allora tutti usano il reattivo di melzer per vedere come sono fatte le decorazioni sporali. Oppure si usa un procedimento per niente banale per osservare le ife primordiali incrostate: cuticola 15 minuti in fucsina fenolica, lavaggio, 1 minuto esatto in acido cloridrico a bassa concentrazione, lavaggio. Queste ife, qualcuno ha scoperto che sono "acido resistenti". Accidenti, geniale! Un po' come l'idea di usare la luce polarizzata sull'aglio. Ecco, quindi di trucchi geniali ce ne sono gia` in micologia per osservare, col microscopio ci mancherebbe, cose che prima erano sconosciute o nascoste.

Ciao
Gianni

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite