Val di Sella (TN) 24/10/10

Escursioni micologiche: descrizione dei funghi ritrovati.
michos
Messaggi: 87
Iscritto il: mer 22 lug 2009, 23:04
Cognome: Dal Santo
Nome: Michele
Provenienza: Abano Terme

Re: Val di Sella (TN) 24/10/10

Messaggio da michos » mar 2 nov 2010, 15:57

Hygrophorus atramentosus non mi schiodo! non secerneva lattice, e nel lattario le lamelle sono intercalate dalle lamellule di lunghezza inferiore ;) http://www.actafungorum.org/actaforum/p ... f=6&t=3766#

michos
Messaggi: 87
Iscritto il: mer 22 lug 2009, 23:04
Cognome: Dal Santo
Nome: Michele
Provenienza: Abano Terme

Re: Val di Sella (TN) 24/10/10

Messaggio da michos » mar 2 nov 2010, 16:07

In effetti con tutti quegli aculei sembra non appartenere agli ascomiceti. La foto non rispetta al massimo la colorazione che pareva più grigio bluastro ma i colori violacei erano certamente presenti e gli aculei avevano tonalità rosate

muscario
Principiante
Messaggi: 458
Iscritto il: mar 24 giu 2008, 17:31
Cognome: Bolognini
Nome: Daniele
Provenienza: Italia

Re: Val di Sella (TN) 24/10/10

Messaggio da muscario » mar 2 nov 2010, 18:00

Pino ha azzeccato la determinazione.
Si tratta della forma bruna (con colore un po' anomalo per qualche probabile dominante viola) dello Pseudohydnum gelatinosum.

fabiophorus
Senior
Messaggi: 3625
Iscritto il: ven 11 mag 2007, 21:44
Cognome: Aste
Nome: Fabio
Provenienza: Ferrania (SV)
Località: Ceppone Formicaio

Re: Val di Sella (TN) 24/10/10

Messaggio da fabiophorus » mar 2 nov 2010, 18:04

muscario ha scritto:Pino ha azzeccato la determinazione.
Si tratta della forma bruna (con colore un po' anomalo per qualche probabile dominante viola) dello Pseudohydnum gelatinosum.
Grazie Muscario e Pino!...è una specie che non ho mai visto, abitualmente che colorazioni ha?



:cin:

muscario
Principiante
Messaggi: 458
Iscritto il: mar 24 giu 2008, 17:31
Cognome: Bolognini
Nome: Daniele
Provenienza: Italia

Re: Val di Sella (TN) 24/10/10

Messaggio da muscario » mar 2 nov 2010, 18:28

In condizioni ed in stagioni normali, come dice il nome, ha il cappello di colore bruno più o meno carico e gli aculei sono bianchi.
Naturalmente nei periodi di forte umidità e di pioggia bisogna sempre tenere in considerazione fenomeni naturali di dilavamento dei pigmenti.
daniele

mykol
Senior
Messaggi: 9118
Iscritto il: dom 3 giu 2007, 23:15
Cognome: Baiano
Nome: Giorgio
Provenienza: Italia

Re: Val di Sella (TN) 24/10/10

Messaggio da mykol » mar 2 nov 2010, 20:05

michos, non prendertela per quanto ho scritto, la mia risposta è solo basata sulle risultanze di tante discussioni su questo argomento avute con valenti micologi, ecologi, raccoglitori di porcini, ecc..., in tanti anni di passione per la micologia e tende a sfatare un luogo comune che non ha fondamento scientifico e quindi ragione di esistere.

Cogliere un "fungo" (cioè il suo organo riproduttivo) non è nè più nè meno che cogliere un frutto dall'albero.
Pensa solo ai porcini ed alla caccia spietata che viene loro data senza che ciò danneggi minimamente la loro crescita.
Ti posso portare un esempio avvenuto nella mia zona. Da un pò di anni c'era grande penuria di porcini, giù tutti a tirare in ballo il buco nell'ozono, i cambiamenti climatici, l'inquinamento, ecc..., ecc...
L'anno scorso ha piovuto nel periodo adatto e c'è stata una crescita straordinaria di porcini, in ogni dove, quasi pure sugli alberi a dimostrazione che la raccolta dei "carpofori" ha scarsa influenza sulla conservazione della specie.

michos
Messaggi: 87
Iscritto il: mer 22 lug 2009, 23:04
Cognome: Dal Santo
Nome: Michele
Provenienza: Abano Terme

Re: Val di Sella (TN) 24/10/10

Messaggio da michos » mar 2 nov 2010, 20:29

mykol ha scritto:michos, non prendertela per quanto ho scritto, la mia risposta è solo basata sulle risultanze di tante discussioni su questo argomento avute con valenti micologi, ecologi, raccoglitori di porcini, ecc..., in tanti anni di passione per la micologia e tende a sfatare un luogo comune che non ha fondamento scientifico e quindi ragione di esistere.

Cogliere un "fungo" (cioè il suo organo riproduttivo) non è nè più nè meno che cogliere un frutto dall'albero.
Pensa solo ai porcini ed alla caccia spietata che viene loro data senza che ciò danneggi minimamente la loro crescita.
Ti posso portare un esempio avvenuto nella mia zona. Da un pò di anni c'era grande penuria di porcini, giù tutti a tirare in ballo il buco nell'ozono, i cambiamenti climatici, l'inquinamento, ecc..., ecc...
L'anno scorso ha piovuto nel periodo adatto e c'è stata una crescita straordinaria di porcini, in ogni dove, quasi pure sugli alberi a dimostrazione che la raccolta dei "carpofori" ha scarsa influenza sulla conservazione della specie.
no no non me la prendo affatto! anzi ti ho ringraziato, le tue considerazioni mi mettono l'animo in pace! e assieme a Voi credo di poter maturare la giusta sensibilità naturalistica. Vi ringrazio sempre per le note e gli aiuti che apportate ai miei post.

michos
Messaggi: 87
Iscritto il: mer 22 lug 2009, 23:04
Cognome: Dal Santo
Nome: Michele
Provenienza: Abano Terme

Re: Val di Sella (TN) 24/10/10

Messaggio da michos » mar 2 nov 2010, 20:39

In questo sito http://healing-mushrooms.net/ parlano che ha proprietà antitumorali

proprietà medicinali
Attività antitumorale

Polisaccaride estratto dalla cultura del micelio di P. gelatinosum e somministrato intraperitoneale in topi bianchi alla dose di 300 mg / kg ha inibito la crescita del Sarcoma 180 e cancro solido Ehrlichs del 90% (Ohtsuka et al., 1973).

fabiophorus
Senior
Messaggi: 3625
Iscritto il: ven 11 mag 2007, 21:44
Cognome: Aste
Nome: Fabio
Provenienza: Ferrania (SV)
Località: Ceppone Formicaio

Re: Val di Sella (TN) 24/10/10

Messaggio da fabiophorus » mar 2 nov 2010, 22:02

:)...e non è l'unica specie con queste proprietà, a quanto pare, ho sentito parlare di Ganoderma lucidum, Agaricus subrufescens e altri...ma non saprei dire oltre, se siano cioè veramente efficaci o meno, sapete qualcosa di più?....

P.S.: Grazie Daniele per le maggiori informazioni sullo Pseudohydnum gelatinosum! :cin:

mykol
Senior
Messaggi: 9118
Iscritto il: dom 3 giu 2007, 23:15
Cognome: Baiano
Nome: Giorgio
Provenienza: Italia

Re: Val di Sella (TN) 24/10/10

Messaggio da mykol » mer 3 nov 2010, 1:00

assodato che siano veramente efficaci il problema del loro utilizzo sta nella difficile "standardizzazione" delle condizioni di produzione e di impiego.

Ad esempio, analogamente a quanto avviene con le piante officinali e medicinali, la loro concentrazione in principi attivi varia in base all'età, alle condizioni di sviluppo, al momento della raccolta, ecc... ?

Ciò fa si che nella pratica sia molto più facile e sicuro usare gli stessi principi attivi ottenuti in laboratorio con procedimenti chimici e o biologici controllati, standardizzati, che quindi sono in grado di fornire farmaci di composizione stabile e costante e quindi assai più facili e sicuri da impiegare.

evelina
Senior
Messaggi: 4836
Iscritto il: dom 23 ago 2009, 10:18
Cognome: zanella
Nome: evelina
Provenienza: vicenza

Re: Val di Sella (TN) 24/10/10

Messaggio da evelina » mer 3 nov 2010, 12:18

Se permetette vorri dire qualcosa riguardo L'Hydnacea color viola-lilla con aculei bianchi, se guardiamo bene l'immagine, si può vedere che anche alcuni rametti e altro hanno la stessa colorazione del fungo, sarà il mio monitor che mi fa notare questi colori ????
Evelina

Pino
Novizio Esperto
Messaggi: 1260
Iscritto il: gio 8 feb 2007, 16:17
Cognome: Costiniti
Nome: Giuseppe
Provenienza: Padova
Località: Padova
Contatta:

Re: Val di Sella (TN) 24/10/10

Messaggio da Pino » mer 3 nov 2010, 12:32

fabiophorus ha scritto:
muscario ha scritto:Pino ha azzeccato la determinazione.
Si tratta della forma bruna (con colore un po' anomalo per qualche probabile dominante viola) dello Pseudohydnum gelatinosum.
Grazie Muscario e Pino!...è una specie che non ho mai visto, abitualmente che colorazioni ha?

:cin:
Pseudohydnum gelatinosum generalmente è bianco.

Come si diceva esiste anche una forma bruna
Allegati
Pseudohydnum gelatinosum1.jpg
Pseudohydnum gelatinosum1.jpg (91.99 KiB) Visto 1338 volte
Pseudohydnum gelatinosum.jpg
Pseudohydnum gelatinosum.jpg (123.71 KiB) Visto 1338 volte

evelina
Senior
Messaggi: 4836
Iscritto il: dom 23 ago 2009, 10:18
Cognome: zanella
Nome: evelina
Provenienza: vicenza

Re: Val di Sella (TN) 24/10/10

Messaggio da evelina » mer 3 nov 2010, 14:46

Foma bruna si: ma mai con colorazioni viola-lilla così carico.
Osservate le foglie e i vari rametti che hanno lo stesso colore viola-lilla.
Ciao Evelina
Ultima modifica di evelina il mer 3 nov 2010, 15:37, modificato 1 volta in totale.

fabiophorus
Senior
Messaggi: 3625
Iscritto il: ven 11 mag 2007, 21:44
Cognome: Aste
Nome: Fabio
Provenienza: Ferrania (SV)
Località: Ceppone Formicaio

Re: Val di Sella (TN) 24/10/10

Messaggio da fabiophorus » mer 3 nov 2010, 14:54

:chin: ...mmmhhhh....c'è da dire che a parte la maggiore o minore gradazione del viola, è l'aspetto generale, degli esemplari di Michos, che mi lascia perplesso: non paiono affatto di consistenza 'gelatinosa' (carettere che si osserva invece benissimo nelle belle immagini di Pino), anzi la superficie pileica pare come 'tomentosa-vellutata', anche l'aspetto degli aculei sembra ben consistente, molto simile a quello degli Hydnum, per nulla 'gelatinoso', anch'esso...magari dico delle fesserie, ma resto dubbioso.... :chin:

evelina
Senior
Messaggi: 4836
Iscritto il: dom 23 ago 2009, 10:18
Cognome: zanella
Nome: evelina
Provenienza: vicenza

Re: Val di Sella (TN) 24/10/10

Messaggio da evelina » mer 3 nov 2010, 15:40

Il dubbio rimane anche a me.
Non vorrei che si trattasse di un'altra cosa, o che i colori non siano reali.
:bye:
Evelina

mfilippa
Senior
Messaggi: 5372
Iscritto il: ven 5 ott 2007, 19:23
Cognome: Filippa
Nome: Mario
Provenienza: Agliano Terme (AT)
Località: Agliano Terme (AT)

Re: Val di Sella (TN) 24/10/10

Messaggio da mfilippa » gio 4 nov 2010, 17:11

Secondo me si tratta senza dubbio di Pseudohydnum gelatinosum. La foto ha semplicemente troppa saturazione di colore, basta levargliene un po' ed ecco qua. Probabilmente è stata scattata in condizioni di luce scarsa e la macchina foto fa strani giochi con i colori, adatta un po' le immagini come vuole lei. Un po' di riflesso blu è normale per la luce che arriva dal cielo.
Michos raccogli i soggetti da fotografare e portali alla luce! O almeno fai anche uno scatto di raffronto col flash...!
:bye:
Allegati
Foto di Michos.jpg
Foto di Michos.jpg (213.13 KiB) Visto 1314 volte

evelina
Senior
Messaggi: 4836
Iscritto il: dom 23 ago 2009, 10:18
Cognome: zanella
Nome: evelina
Provenienza: vicenza

Re: Val di Sella (TN) 24/10/10

Messaggio da evelina » gio 4 nov 2010, 18:00

In questa immagine i colori sono un pò più reali.
Evelina

mykol
Senior
Messaggi: 9118
Iscritto il: dom 3 giu 2007, 23:15
Cognome: Baiano
Nome: Giorgio
Provenienza: Italia

Re: Val di Sella (TN) 24/10/10

Messaggio da mykol » gio 4 nov 2010, 23:56

il "bello" della fotografia digitale è che tra quello che "vede" il sensore e quello che vediamo noi sul monitor del nostro PC ci sono moltissimi passaggi ognuno dei quali è suscettibile di introdurre "artefatti" (dipendono dalle scelte dei progettisti) o "tarocchi" (dipendono dalle scelte di chi elabora l'immagine finale).

Sapendo maneggiare bene i soft di fotoritocco non è difficilissmo ottenere una immagine assai diversa dal soggetto fotografato.

Questo è un caso banale in cui il sensore ha "visto" male e Mario ha operato bene riportandoci ad una immagine più reale e corretta (almeno a me così pare osservando sul mio monitor).

Purtroppo è altrettanto facile che il sensore abbia "visto" bene e qualcuno per motivi suoi tarocchi l'immagine facendo vedere ciò che non esiste.

Questo è uno dei motivi (a quanto mi risulta) per cui le immagini digitali possono non essere granché considerate come prove in ambito legale.

michos
Messaggi: 87
Iscritto il: mer 22 lug 2009, 23:04
Cognome: Dal Santo
Nome: Michele
Provenienza: Abano Terme

Re: Val di Sella (TN) 24/10/10

Messaggio da michos » ven 5 nov 2010, 23:50

Giusto Mario, grazie anche per questa riedizione della mia foto. La luce in effetti era scarsa. Devo avere più calma e fare diverse tipologie di scatto a diverse esposizioni, e poi anche usare come dici tu il flash velato. Un pò alla volta migliorerò.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 20 ospiti