Pagina 1 di 1

Gornergrat parte prima: la salita

Inviato: mar 18 set 2007, 22:47
da alessiodileo
La cittadina di Zernatt, in Svizzera nel cantone vallese, offre innumerevoli spunti per passeggiate o trekking, più o meno impegnativi. A parte i mesi invernali dove a farla da padrone sono le piste da sci e per passeggiare bisogna munirsi di ciaspole, in estate è pieno di sentieri!

Tanto per avere un'idea, in questa foto una delle vie della città dopo una copiosa nevicata a dicembre dell'anno scorso. C'era talmente tanta neve che la gente sciava per strada ...

Immagine

il metodo migliore per visitare il Gornergrat è quello di salire intreno: prorpio così, con la ferrovia a cremagliera più alta d'Europa. Prendo posto nei vagoni, in agosto affollati di giapponesi e mi rilasso guardando il panorama fuori dal finestrino.

Il treno parte e poco dopo Zermatt diventa sempre più piccola, sovrastata dal Cervino.

Immagine

Il bosco si fa sempre più fitto e fra le rocce si può scorgere qualche cascatella alimentata dallo scioglimento della neve.

Immagine

Ovviamente prima di arrivare in cima ci sono stazione intermedie dove poter scendere e prendere altri sentieri ma preferisco aspettare i 45 minuti di treno fino in cima cercando di scorgere qualche animale durante il tragitto. E le possibilità di avvistamente non mancano di certo: in inverno ho visto diversi camosci, quest'anno le marmotte che al passare del treno corrono su è giù per i prati. Anche un giovane cerbiatto si è lasciato ammirare per qualche istante per poi sparire fra l'erba alta.

Immagine

Arrivo fino in cima a quota 3.089 mt e sceso dal treno mi trovo davanti l'edificio dell'osservatorio. Ristrutturato di recente offre un ristorante self-service, un hotel di lusso e una serie di negozi di souvenir, oltre all'osservatorio posto in una delle due cupole.

Questo è il complesso del Gorgengrat a dicembre 2005

Immagine

Il paesaggio è mozzafiato: si può vedere tutta la catena montuosa partendo dal Monte Rosa fino al Cervino; rispetto all'inverno la neve è poca ma le cime sono comunque imbiancate.

Un particolare delle cime Castore (4.223mt) e Polluce (4.092mt)

Immagine

Il ghiacciai purtroppo risentono del caldo eccessivo di questi ultimi anni, ma sono comunque uno spettacolo da vedere.

Ghiacciaio dello Schwarze

Immagine

E questo è un particolare della "lingua"

Immagine

Tutt'intorno è un turbinio di gracchi che fanno spola dal tetto dell'osservatorio alle ringhiere del terrazzo del ristorante, per cercare di accaparrarsi qualche briciola lasciata dai turisti.

Immagine

La cosa più suggestiva sono gli stambecchi: grazie ad una saliera non è difficile vederli. Intorno alle 17 del pomeriggio iniziano a girare fra le rocce e arrivano a portata di teleobiettivo.

Immagine

Alcuni esemplari controllano dall'alto il movimento dei loro simili sul fondo del ghiacciaio

Immagine

Il prossimo passo è scendere a piedi fino a Zermatt attraverso sentieri per un totale di circa tre ore.

:D

Inviato: mer 19 set 2007, 6:29
da doni
Molto molto bello

Inviato: mer 19 set 2007, 6:35
da carlo
straordinarie cartoline :applause:

Inviato: mer 19 set 2007, 9:30
da Mario
Resto incantato di fronte a scenari del genere, ritratti con tanta maestria. Complimenti

Inviato: mer 19 set 2007, 17:40
da alessiodileo
Grazie a voi :D Alcune foto di stambecchi le avevo già messe qui

Durante la discesa a piedi ho potuto fotografare qualche altro animaletto poi ve li mostro ...

Inviato: gio 20 set 2007, 9:18
da Artù
Non solo gran belle foto ma anche una bellissima descrizione, mi sembrava quasi di esserci. Grazie

Inviato: gio 25 ott 2007, 8:47
da Gentile Sergio
Ciao Alessio :) ,

paesaggi che sono un vero incanto,

corredate da una attenta descrizione,

foto magnifiche.

Grazie Alessio, perchè guardando e leggendo,

ho provato delle belle e positive Emozioni :).

Ciao, Sergio.