Helvella cfr villosa/cupuliformis

Tasphririnales, Pezizales, Tuberales, Ostropales, Clavicipitales,Lecanorales, Heliotiales, Phacidiales, Coronophorales, Shaeriales - Myriangiales, Hysteriales, Hemisphaeriales, Dothideales, Pleosprales.
Artù
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 4851
Iscritto il: mer 21 mar 2007, 9:20
Cognome: Baglivo
Nome: Arturo
Provenienza: Lecce
Località: Lecce

Messaggio da Artù » sab 2 ago 2008, 12:18

Artù ha scritto:metto le uniche foto decenti
Allegati
Helvella-cfr-villosa_DSCN9326-(1).jpg

Artù
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 4851
Iscritto il: mer 21 mar 2007, 9:20
Cognome: Baglivo
Nome: Arturo
Provenienza: Lecce
Località: Lecce

Messaggio da Artù » sab 2 ago 2008, 12:18

per le ultime tre 400X ogni dieci tacche equivalgono a 24,2 µ
ciao
Allegati
Helvella-cfr-villosa_DSCN9326.jpg

mfilippa
Senior
Messaggi: 5386
Iscritto il: ven 5 ott 2007, 19:23
Cognome: Filippa
Nome: Mario
Provenienza: Agliano Terme (AT)
Località: Agliano Terme (AT)

Messaggio da mfilippa » sab 2 ago 2008, 12:43

Bè, passato un mese immagino che l'esemplare non fosse più fresco :D e quindi l'eventuale pigmento intracellulare è andato a farsi benedire... :(
Ritengo la più probabile Helvella cupuliformis, in fondo è solo il colore grigio dell'imenio di una parte degli esemplari che non mi quadra...
Dovrei vedere meglio i miei appunti. E magari un secco (hheheheh)
Apprezzo l'impegno nei preparati come richiesti, in effetti se pigmento ci fosse (fresco) si dovrebbe vedere.
Devo sperimentare un metodo indicato da Charbonnel per vedere pigmento intracellulare sul secco.

Artù
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 4851
Iscritto il: mer 21 mar 2007, 9:20
Cognome: Baglivo
Nome: Arturo
Provenienza: Lecce
Località: Lecce

Messaggio da Artù » sab 2 ago 2008, 13:05

mfilippa ha scritto:Bè, passato un mese immagino che l'esemplare non fosse più fresco :D e quindi l'eventuale pigmento intracellulare è andato a farsi benedire... :(
Ritengo la più probabile Helvella cupuliformis, in fondo è solo il colore grigio dell'imenio di una parte degli esemplari che non mi quadra...
Dovrei vedere meglio i miei appunti. E magari un secco (hheheheh)
Apprezzo l'impegno nei preparati come richiesti, in effetti se pigmento ci fosse (fresco) si dovrebbe vedere.
Devo sperimentare un metodo indicato da Charbonnel per vedere pigmento intracellulare sul secco.
Grazie Mario, la archivierò come cupuliformis anche se nn ho visto il pigmento intracellulare :oops: x il secco ovviamente c'è da parte dimmi solo se vuoi che lo spedisca o te lo passo alla prima occasione. Se mi spieghi il metodo di Charbonnel ci proverò.

Volevo anche chidervi notizie su Helvella pallidula e magari una foto :) visto che nn riesco a reperire iconografia da nessuna parte.

mfilippa
Senior
Messaggi: 5386
Iscritto il: ven 5 ott 2007, 19:23
Cognome: Filippa
Nome: Mario
Provenienza: Agliano Terme (AT)
Località: Agliano Terme (AT)

Messaggio da mfilippa » mer 6 ago 2008, 11:58

Il secco alla prima occasione va bene, grazie.

Charbonnel consiglia di fare così:
- rigonfiare in camera umida
- lasciare macerare in Picroformolo di Hollande ca 10 minuti
- "ripescare" e asciugare l'eccesso con carta
- ricavare le sezioni da osservare
- montare in cloralio con coprioggetto
- fare bollire
- osservare
Il pigmento intracellulare si presenterà in forma di fiocchi che sembrano occupare tutto l'articolo.

Quanto a Helvella pallidula, se iconografia esiste, io non ce l'ho. Si tratta di una specie americana descritta da N.S. Weber, se vuoi ti mando la descrizione originale (ce l'ho in fotocopia), vado a rileggerla poi posterò notizie ulteriori. Da quando mi ricordo la Weber paragona H. pallidula ad una H. macropus, però con le spore ellissoidi non fusiformi, e colore praticamente bianco. Secondo me, in pratica, una grossa villosa bianca.

Ho visto solo una volta esemplari che si avvicinano al concetto che ho espresso, in agosto in un bosco di conifere sulla strada per Macugnaga, qualche anno fa... trovate da Daniele Bolognini, non so neanche se ho la foto perché non erano in buone condizioni. Ma molto più probabilmente si trattava proprio di H. villosa piuttosto pallide...

Artù
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 4851
Iscritto il: mer 21 mar 2007, 9:20
Cognome: Baglivo
Nome: Arturo
Provenienza: Lecce
Località: Lecce

Messaggio da Artù » lun 18 ago 2008, 10:59

Ehm.. :oops: credo che sarà difficile riuscire a trovare il tempo per seguire la procedura, ma magari prima o poi lo proverò. Grazie per le indicazioni e le notizie sulla pallidula. :)

mfilippa
Senior
Messaggi: 5386
Iscritto il: ven 5 ott 2007, 19:23
Cognome: Filippa
Nome: Mario
Provenienza: Agliano Terme (AT)
Località: Agliano Terme (AT)

Re: Helvella cfr villosa/cupuliformis

Messaggio da mfilippa » mar 20 lug 2010, 21:35

:off-topic: Visto che avevo indicato il metodo di Charbonnel per il pigmento intracellulare, vi aggiorno sui miei tentativi.
Dopo molti insuccessi, ho capito che probabilmente il tipo di pigmento intracellulare delle Helvella non può essere evidenziato in quel modo (natura chimica diversa da quello dei basidio-?).
L'unico sistema che pare funzionare è il più semplice, che però richiede pazienza. Occorre reidratare il secco per molte ore in acqua semplice, dopodiché anche il pigmento intracellulare (se il campione non è troppo vecchio) tornerà visibile.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 16 ospiti