Xerampelinae

Letteratura, articoli, notizie bibliografiche sui funghi, richieste

Moderatori: muscario, Stinkhorn, Pino

stegiampi
Senior
Messaggi: 3580
Iscritto il: sab 1 dic 2007, 18:58
Cognome: Stefani
Nome: Giampietro
Provenienza: Italia

Re: Xerampelinae

Messaggio da stegiampi » dom 14 set 2008, 23:27

piucar ha scritto:Sono state fotografate nello stesso luogo R.Xerampelina
Ciao piucar,
è proprio quello che intendevo parlando di pigmenti.


Giampietro

Il Micologo
Novizio
Messaggi: 597
Iscritto il: mer 16 gen 2008, 18:59
Cognome: Inzaina
Nome: Salvatore
Provenienza: Italia
Località: Cagliari
Contatta:

Re: Xerampelinae

Messaggio da Il Micologo » lun 15 set 2008, 14:23

stegiampi ha scritto:
Il Micologo ha scritto:

ciao, in attesa della risposta penso che piucar intendesse dire che solo e poi solo per i cromatismi verde oliva (dall'etimo latino) si possa al limite parlare di una R. xerampelina var. elaeodes, ma le differenze micro tra la var. elaeodes e la R. xerampelina diciamo typus sono così poco significative o insomma se anche ci fossero non sono tali da poter neanche pensare di creare una nuova specie...in perfetta linea con il pensiero di Sarnari.

:bye:
Salvatore

Ciao Salvatore,
se è per questo, neanche in R. xerampelina (quella delle conifere per intenderci) i caratteri micro
non sono stabili e mi riferisco ai dati di un medesimo carpoforo e non di raccolte diverse.
Le stesse spore sono morfologicamente diverse, per non parlare della forma dei dermatocistidi.
Figurati che in certe sono riuscito anche a vedere dei dermatocistidi che presentavono delle indubbie incrostazioni (non molto evidenti, ma sempre incrostazioni) dopo il passaggio in fucsina basica. :shock:
Quindi il gruppo è....speciale e un po' difficilino.


Ciao

Giampietro
ciao Giampietro,certamente son d'accordo con te e ho forse un pò minimizzato, ma difficile secondo me è (..e penso proprio di non dire niente di nuovo) capire che valore possano avere queste differenze micro ai fini dell'inquadramento sistematico oppure se viceversa non siano da ritenersi caratteri rientranti nel range di variabilità per quella specie,subsezione,sezione.... sottogenere,al pari del range di variabilità cromatica.

:bye:
Salvatore

stegiampi
Senior
Messaggi: 3580
Iscritto il: sab 1 dic 2007, 18:58
Cognome: Stefani
Nome: Giampietro
Provenienza: Italia

Re: Xerampelinae

Messaggio da stegiampi » lun 15 set 2008, 17:50

Il Micologo ha scritto:

ciao Giampietro,certamente son d'accordo con te e ho forse un pò minimizzato, ma difficile secondo me è (..e penso proprio di non dire niente di nuovo) capire che valore possano avere queste differenze micro ai fini dell'inquadramento sistematico oppure se viceversa non siano da ritenersi caratteri rientranti nel range di variabilità per quella specie,subsezione,sezione.... sottogenere,al pari del range di variabilità cromatica.

:bye:
Salvatore
Ciao Salvatore,
alcuni anni fa,con il prof. Donelli parlando del gruppo delle Xerampelinae, mi disse che si era cercato di trovare differenze microscopiche per cercare di capire e stabilire i confini delle varie specie.
Ma il range di variabilità era troppo ampio per poterli stabilire con certezza.
Anche Sarnari afferma che
"il gruppo Xerampelinae rappresentano una zona d'ombra nella tassonomia delle Russule, i cui più recenti progressi di conoscenza, ancorchè apparentemente formidabili, non mancheranno di rivelarsi nel tempo fittizi."

Ciao,

Giampietro

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite