...quattro passi...quattro Boleti....

Escursioni micologiche: descrizione dei funghi ritrovati.
mfilippa
Senior
Messaggi: 5431
Iscritto il: ven 5 ott 2007, 19:23
Cognome: Filippa
Nome: Mario
Provenienza: Agliano Terme (AT)
Località: Agliano Terme (AT)

Re: ...quattro passi...quattro Boleti....

Messaggio da mfilippa » mar 23 set 2008, 10:59

:shock: in realtà, anche se la tav. 136 sembra molto meglio della 108, Schaeffer per questa usa il nome Boletus versicolor Scopoli!
Ahh... lo sentite anche voi quest'odore di VESPAIO? :D
Allegati
Scaeffer Boletus versicolor Scopoli.JPG
Scaeffer Boletus versicolor Scopoli.JPG (48.69 KiB) Visto 2786 volte

mfilippa
Senior
Messaggi: 5431
Iscritto il: ven 5 ott 2007, 19:23
Cognome: Filippa
Nome: Mario
Provenienza: Agliano Terme (AT)
Località: Agliano Terme (AT)

Re: ...quattro passi...quattro Boleti....

Messaggio da mfilippa » mar 23 set 2008, 11:03

Il problema è che la descrizione è completamente diversa dalla tavola! :lol: Qua si parla, se non vado errato, di Trametes versicolor! :lol:
ih! ih! ...Che vespaio! :D

mfilippa
Senior
Messaggi: 5431
Iscritto il: ven 5 ott 2007, 19:23
Cognome: Filippa
Nome: Mario
Provenienza: Agliano Terme (AT)
Località: Agliano Terme (AT)

Re: ...quattro passi...quattro Boleti....

Messaggio da mfilippa » mar 23 set 2008, 11:19

Ecco Scopoli, Flora Carniolica II, ed. II... come volevasi dimostrare
... bzzzz.... bzzzz.... :D
Allegati
Scopoli vol II Boletus versicolor n° 1592.JPG
Scopoli vol II Boletus versicolor n° 1592.JPG (70.22 KiB) Visto 2777 volte

carlo
Senior
Messaggi: 5100
Iscritto il: gio 7 giu 2007, 19:37
Cognome: Agnello
Nome: Carlo
Provenienza: Mesagne
Località: Mesagne

Re: ...quattro passi...quattro Boleti....

Messaggio da carlo » mar 23 set 2008, 11:33

Mario tu mi farai morire :D
Aridaie co sti vespai :lol: E prima o poi finirai con il pungerti...
La tavola 136 è una Trametes...Quella che hai postato è la 135 CXXXV ! :D :lol: :D

mfilippa
Senior
Messaggi: 5431
Iscritto il: ven 5 ott 2007, 19:23
Cognome: Filippa
Nome: Mario
Provenienza: Agliano Terme (AT)
Località: Agliano Terme (AT)

Re: ...quattro passi...quattro Boleti....

Messaggio da mfilippa » mar 23 set 2008, 11:38

Hehe vero Carlo, me n'ero già accorto e se non fosse che tu avevi già risposto, avrei cancellato ogni traccia del disonorevole errore! Ma è Alessio che parlava della 136... in realtà si riferiva alla 135, che Schaeffer chiama Boletus bulbosus, proprio come dice poi Alessio.
:( Be', un vespaio meno... vesposo di quanto potesse essere, peccato.

carlo
Senior
Messaggi: 5100
Iscritto il: gio 7 giu 2007, 19:37
Cognome: Agnello
Nome: Carlo
Provenienza: Mesagne
Località: Mesagne

Re: ...quattro passi...quattro Boleti....

Messaggio da carlo » mar 23 set 2008, 11:53

Il disonorevole errore è colpa delle intricatissime stesure di molti volumi del '700 e '800 :)

Esso non altera minimamente la profonda stima nei tuoi confronti ( con tutti i vespai ) :)

Aperitivo pagato :D

fabiophorus
Senior
Messaggi: 3625
Iscritto il: ven 11 mag 2007, 21:44
Cognome: Aste
Nome: Fabio
Provenienza: Ferrania (SV)
Località: Ceppone Formicaio

Re: ...quattro passi...quattro Boleti....

Messaggio da fabiophorus » mar 23 set 2008, 12:02

:lol: :lol: :lol:

siete meravigliosi!....con tutti questi vespai et nidi di imenotteri vari!!!...mi fate morir dal ridere!!! :lol:

p.s.: grazie Mario sempre gentilissimo!!! :)

gambr
Senior
Messaggi: 2927
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 22:11
Cognome: ------
Nome: Gianni
Provenienza: Udine

Re: ...quattro passi...quattro Boleti....

Messaggio da gambr » mar 23 set 2008, 14:27

Concordo con Fabio ... interessanti questi vespai :D
Ma dove le trovi Mario le tavole originali? :shock:

Ciao
Gianni

mfilippa
Senior
Messaggi: 5431
Iscritto il: ven 5 ott 2007, 19:23
Cognome: Filippa
Nome: Mario
Provenienza: Agliano Terme (AT)
Località: Agliano Terme (AT)

Re: ...quattro passi...quattro Boleti....

Messaggio da mfilippa » mar 23 set 2008, 14:45

Ma dove le trovi Mario le tavole originali?
Su internet ormai si trovano moltissime opere antiche, di libero accesso purchè non ci siano ristampe recenti che quindi hanno un copyright. Schaeffer per esempio lo trovi sul sito del Real Jardin Botanico di Madrid, che è una vera miniera:
http://bibdigital.rjb.csic.es/spa/index.php
però manca il quarto volume, cioè quello con i nomi dei funghi, che invece si trova sul sito dell'Università di Strasburgo:
http://num-scd-ulp.u-strasbg.fr:8080/perl/search/simple
dove il 3° e 4° volume sono uniti in un unico file.
Altri siti molto ricchi di opere micologiche sono Google Books che è fantastico perchè puoi fare ricerche nel testo dei libri
http://books.google.it/
e anche
http://www.archive.org/search.php
oltre ai ben conosciuti Botanicus, Cybertruffle e Gallica:
http://www.botanicus.org/
http://www.cybertruffle.org.uk/cyberliber/index.htm
http://gallica.bnf.fr/
Qualche volta occorre un po' di fantasia per trovare quel che ti serve, i motori di ricerca a volte sono un po' capricciosi...
Soprattutto per cercare opere apparse su riviste, e non come libro pubblicato indipendentemente, occorre naturalmente cercare la rivista e non l'autore o il titolo dell'articolo...
Buona ricerca e auguri!

mykol
Senior
Messaggi: 9140
Iscritto il: dom 3 giu 2007, 23:15
Cognome: Baiano
Nome: Giorgio
Provenienza: Italia
Località: Asti

Re: ...quattro passi...quattro Boleti....

Messaggio da mykol » mar 23 set 2008, 14:58

Mario è un "topo" da biblioteca elettronica ...

carlo
Senior
Messaggi: 5100
Iscritto il: gio 7 giu 2007, 19:37
Cognome: Agnello
Nome: Carlo
Provenienza: Mesagne
Località: Mesagne

Re: ...quattro passi...quattro Boleti....

Messaggio da carlo » mar 23 set 2008, 17:06

mfilippa ha scritto:
Ma dove le trovi Mario le tavole originali?
Su internet ormai si trovano moltissime opere antiche, di libero accesso purchè non ci siano ristampe recenti che quindi hanno un copyright. Schaeffer per esempio lo trovi sul sito del Real Jardin Botanico di Madrid, che è una vera miniera:
http://bibdigital.rjb.csic.es/spa/index.php
però manca il quarto volume, cioè quello con i nomi dei funghi, che invece si trova sul sito dell'Università di Strasburgo:
http://num-scd-ulp.u-strasbg.fr:8080/perl/search/simple
dove il 3° e 4° volume sono uniti in un unico file.
Altri siti molto ricchi di opere micologiche sono Google Books che è fantastico perchè puoi fare ricerche nel testo dei libri
http://books.google.it/
e anche
http://www.archive.org/search.php
oltre ai ben conosciuti Botanicus, Cybertruffle e Gallica:
http://www.botanicus.org/
http://www.cybertruffle.org.uk/cyberliber/index.htm
http://gallica.bnf.fr/
Qualche volta occorre un po' di fantasia per trovare quel che ti serve, i motori di ricerca a volte sono un po' capricciosi...
Soprattutto per cercare opere apparse su riviste, e non come libro pubblicato indipendentemente, occorre naturalmente cercare la rivista e non l'autore o il titolo dell'articolo...
Buona ricerca e auguri!

...Ed un'altro ancora, molto bello è: www.biodiversitylibrary.org :bye:

gambr
Senior
Messaggi: 2927
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 22:11
Cognome: ------
Nome: Gianni
Provenienza: Udine

Re: ...quattro passi...quattro Boleti....

Messaggio da gambr » mar 23 set 2008, 17:37

Uh, grazie degli indirizzi, non pensavo qualcuno avesse messo in formato elettronico queste opere! :shock:

Ciao
Gianni

cinzia
Novizio Esperto
Messaggi: 1188
Iscritto il: dom 11 mar 2007, 14:41
Cognome: Fracasso
Nome: Cinzia
Provenienza: Lecce

Re: ...quattro passi...quattro Boleti....

Messaggio da cinzia » mar 23 set 2008, 18:25

Ripartites ha scritto:...
Per quanto riguarda il pulchrotinctus ... non l'ho mai trovato in habitat e nemmeno visto alle mostre della mia Regione, ma solo in fotografia, probabilmente perchè dal Po in su non cresce,
In Veneto esiste sicuramente almeno una stazione certa nei Colli Euganei, dove viene regolarmente trovato da componenti del gruppo AMB di Padova e non solo, in zona con roverella.
Sul suo consumo in loco non ho notizie ne' esperienza perciò non entro nel merito di questa parte della discussione, qui viene comunque considerato tossico e il suo consumo sconsigliato.

cinzia

Ripartites
Messaggi: 6
Iscritto il: mar 27 mag 2008, 21:24
Cognome: Angelini
Nome: Claudio
Provenienza: Friuli Venezia Giulia
Località: Friuli Venezia Giulia

Re: ...quattro passi...quattro Boleti....

Messaggio da Ripartites » mar 23 set 2008, 18:50

non conosco i Colli Euganei ... mi dicono essere una zona dove si possono rinvenire alcune specie mediterranee .... è un luogo un po' atipico per essere sopra al Po ... fortuna che ci abiti nelle vicinanze .... ciao e grazie per l'informazione.

mykol
Senior
Messaggi: 9140
Iscritto il: dom 3 giu 2007, 23:15
Cognome: Baiano
Nome: Giorgio
Provenienza: Italia
Località: Asti

Re: ...quattro passi...quattro Boleti....

Messaggio da mykol » mar 23 set 2008, 21:54

sopra al Po non so nemmeno io se cresca ma appena sotto si. Nel Monferrato Casalese, cresce abbondante ad esempio nei boschi attorno al Santuario di Crea a meno di 5-6 km dalla riva destra.. a sinistra del Po (e per l'intera pianura padana) credo che non ci siano gli ambienti giusti per la sua crescita. Sulle prealpi e sulle Alpi credo anch'io che non cresca.
Questa specie, come parecchi altri boletii, cresce in boschi xerotermofili con terreni a pH decisamente basico e calcarei caratterizzati da una vegetazione costituita in prevalenza da roverella e orniello. Almeno tutti gli ambienti in cui so che cresce, nelle Langhe e nel Monferrato, hanno queste caratteristiche.

Ripartites
Messaggi: 6
Iscritto il: mar 27 mag 2008, 21:24
Cognome: Angelini
Nome: Claudio
Provenienza: Friuli Venezia Giulia
Località: Friuli Venezia Giulia

Re: ...quattro passi...quattro Boleti....

Messaggio da Ripartites » sab 22 mag 2010, 10:04

[quote="mykol"]che si debba consumare B. pulchrotinctus non so chi l'abbia detto, io no. Ho solo riferito di un fatto al quale ho assitito e di avvenimenti di cui sono a diretta conoscenza, cioè che almeno QUALCHE CENTINAIO DI PERSONE l'ha consumato ( a sua insaputa) SENZA PROBLEMI PARTICOLARI (con molta probabilità con molti meno problemi di chi consuma i porcini). Ho anche detto che CONSUMATO CRUDO ha causato una serie di disturbi (comunque di non grande entità in quanto non hanno richiesto ricovero ospedaliero). Avendo detto che da crudo è velenoso, credevo che fosse ovvio che veniva mangiato cotto. Chiarito questo, sul resto concordo, anzi sono molto più restrittivo.


solo per contribuire alla discussione .... volevo riferire che in una recente pubblicazione "Funghi d'Italia" a pag.492 (Zanichelli) gli Autori (Vizzini, Traverso, Boccardo, Zotti) inseriscono B.pulchrotinctus tra i fungi TOSSICI .

un saluto a tutti

evelina
Senior
Messaggi: 4915
Iscritto il: dom 23 ago 2009, 10:18
Cognome: zanella
Nome: evelina
Provenienza: vicenza

Re: ...quattro passi...quattro Boleti....

Messaggio da evelina » sab 22 mag 2010, 13:38

Le vostre discussioni sul consumo dei Boleti da voi citati, sono più che giusti!!!!!!!! bravi.
La prima immagine di Boletus reticulatus/aestivalis,
io voto per aereus.
Ciao..ciao........................Evelina

fabiophorus
Senior
Messaggi: 3625
Iscritto il: ven 11 mag 2007, 21:44
Cognome: Aste
Nome: Fabio
Provenienza: Ferrania (SV)
Località: Ceppone Formicaio

Re: ...quattro passi...quattro Boleti....

Messaggio da fabiophorus » sab 22 mag 2010, 16:13

evelina ha scritto:Le vostre discussioni sul consumo dei Boleti da voi citati, sono più che giusti!!!!!!!! bravi.
La prima immagine di Boletus reticulatus/aestivalis,
io voto per aereus.
Ciao..ciao........................Evelina

Ciao Evelina! :) ...certo che è aereus (!!)....leggi con calma tutta la discussione.... ;)

mykol
Senior
Messaggi: 9140
Iscritto il: dom 3 giu 2007, 23:15
Cognome: Baiano
Nome: Giorgio
Provenienza: Italia
Località: Asti

Re: ...quattro passi...quattro Boleti....

Messaggio da mykol » dom 23 mag 2010, 1:16

solo per contribuire alla discussione .... volevo riferire che in una recente pubblicazione "Funghi d'Italia" a pag.492 (Zanichelli) gli Autori (Vizzini, Traverso, Boccardo, Zotti) inseriscono B.pulchrotinctus tra i fungi TOSSICI .
della commestibilità di questa specie non mi importa granchè (anzi mi importa nulla perchè non la mangio e non la consiglio a nessuno), ma non posso ignorare i dati di fatto di cui sono a conoscenza, cioè che decine (forse un centinaio) di persone ha mangiato per una decina di anni questo fungo (raccolto nella zona delle Langhe e ben cotto) senza particolari problemi.

Mentre conosco parecchie persone (me compreso) che non possono mangiare i porcini (sia crudi che cotti) pena disturbi di vario genere (digestione difficile, vomito, diarrea, ecc...).

Che poi esso venga inserito tra i funghi tossici può essere una semplice cautela adottata in un libro a carattere divulgativo.

Rispondi