Pagina 1 di 2

Prove tecniche 020411

Inviato: sab 2 apr 2011, 16:02
da carlo
...Prima prova strumentazione nuova con risultati disastrosi :(

L'unica nota positiva che ho trovato una nuova colonia di Plectania mediterranea :)

Ragà se piove qui ne ho contate, quelle che si vedevano, almeno una sessantina :shock:

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: sab 2 apr 2011, 16:08
da carlo
per il resto bisogna che parta da zero

calcolare meglio...

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: sab 2 apr 2011, 16:08
da carlo
non fotografare solo i gambi...

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: sab 2 apr 2011, 16:09
da carlo
per adesso lasciar perdere quelli piccoli...

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: sab 2 apr 2011, 16:10
da carlo
insomma evitare di cader in phallo

:bye:

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: sab 2 apr 2011, 16:12
da carlo
Artù quando ti liberi dalle mbalote e decidi di andar a fotografare funghi mi fai un fischio :D

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: sab 2 apr 2011, 17:27
da evelina
Che fine hanno le tue belle foto, che tanto invidiavo ???


:bye: :bye: :bye:

Evelina

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: sab 2 apr 2011, 20:25
da patty
evelina ha scritto:Che fine hanno le tue belle foto, che tanto invidiavo ???
Evelina,Evelina...non affondare il coltello nella piaga!! :innocent:

:D :D
Patty


Carlo, è solo questione di tempo...ti riprenderai presto...... :)

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: dom 3 apr 2011, 0:04
da mfilippa
A parte che devi chiudere il diaframma, Carlo, le tue foto hanno lo stesso tono "argentato" di quelle che vengono a me con la D5000 che ha sensore e software molto simili se non identici alla D3100.
Forse dobbiamo trovare qualche regolazione che non abbiamo ancora scoperto!
Alla prossima uscita proverò diversi bilanciamenti del bianco e diversa impostazione del controllo dell'immagine (c'è standard, neutro, saturo...)
:)

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: dom 3 apr 2011, 1:14
da mykol
che attrezzatura usi Carlo ? Mi pare di aver capito una reflex nikon, ma l'obiettivo ?

Con la tua reflex devi chiudere il diaframma quasi tutto (anche se così facendo perdi qualcosa in definizione).
Gli obiettivi macro di una volta erano ottimizzati per fare ... la macro (quindi per avere tutto a fuoco diaframma quasi tutto chiuso) ora sono ottimizzati per i ritratti e danno il meglio di se a diaframma 4, 5,6 max 8.
Il vantaggio della tua reflex in confronto alla compatta od alla bridge è che puoi tranquillamente salire come sensibilità ISO fino a 1000 senza perdere troppo in definizione, ciò che ti consente di solito, se c'è luce, di lavorare a mano libera anche con diaframma abbastanza chiuso. Se poi scatti a mano libera anche con tempi lunghi sfruttando la raffica e sperando che qualche scatto riesca non mosso, quasi sempre ...ti va bene !

Se fotografi a luce naturale, in pieno sole, per evitare errori di esposizione tra le parti bianche al sole e quelle scure all'ombra, usa il D-lighting attivo impostato, se è il caso "Molto alto". Ciò, quasi sempre, ti permette di esporre correttamente sia le parti al sole che quelle in ombra ..

Infine, visto che la pellicola digitale ce la regalano, il segreto è scattare, scattare, poi ancora scattare, e sperare .... anche se qualcuno storcerà il naso (vero Mario ?).
Se invece preferisci usare il flash o portarti dietro un bel cavallettone da reflex ed usare l'ombrellino bianco per attenuare il contrasto ed ammorbidire le ombre pure quello si può fare magari dopo esserti procurato uno ... sherpa !

Un altro trucco è quello difare più scatti di seguito (raffica) dopo aver impostato il "bracheting" sull'esposizione, in modo da centrare almeno uno scatto esposto correttamente.
Insomma, i trucchi e le possibilità sono infiniti, a te sperimentare.

Poi, dato che i funghi ... non scappano, probabilmente la soluzione migliore è usare la fotoocamera in manuale dedicando il tempo necessario alla composizione ed allo studio dei particolari, anche se è possibile ottenere risultai eccellenti pure in completo automatismo.

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: dom 3 apr 2011, 1:24
da mfilippa
scattare, e sperare .... anche se qualcuno storcerà il naso (vero Mario ?).
Bè, io più che fare 6000 foto sperando che 1 sia buona, preferisco farne 60 sapendo cos'ho fatto così la prossima volta quella buona sarà 1 su 6 :D
sfruttando la raffica e sperando che qualche scatto riesca non mosso, quasi sempre ...ti va bene
Più che altro è su questo che non sono d'accordo! Potrai averne qualcuna un po' meno mossa delle altre, ma nessuna senza un piccolo mosso... :wall: ricorda che tu sei quello che ha il terrore delle vibrazioni date dallo specchio!!! :bye:

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: dom 3 apr 2011, 1:53
da mfilippa
Se invece preferisci usare il flash o portarti dietro un bel cavallettone da reflex ed usare l'ombrellino bianco per attenuare il contrasto ed ammorbidire le ombre pure quello si può fare magari dopo esserti procurato uno ... sherpa !
Guarda questa, fatta con 100mm macro Vivitar di qualità infinitamente inferiore al 60 mm di Carlo, con luce naturale ieri sera alle 18,17 (quasi al tramonto), f/11, con un cavalletto che sta nella tasca dietro dei jeans!
L'obiettivo ha problemi (una lente interna appannata) quindi la qualità non è buona ma come si vede dal crop, niente mosso!

Ehm, per la cronaca, trattasi di Discina parma su resti di ceppo di pioppo.

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: dom 3 apr 2011, 2:12
da mfilippa
:oops: forse ho esagerato con il contrasto nella foto sopra, questa dovrebbe essere più naturale.
Le ho regolate sul portatile quindi non ho una grossa affidabilità sui colori.
Voi quale vedete meglio?

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: dom 3 apr 2011, 2:23
da mfilippa
Ah, c'era anche questa piccolina qua :wub:
Anche in quest'immagine c'è lo stesso tono "argentato" che mi dà un po' fastidio... e che vedo in quelle di Carlo.

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: dom 3 apr 2011, 7:37
da carlo
Grazie mille per i suggerimenti :) Ci torno subito

Intanto mi sono accorto che il macro aveva il "limit" e non il "full" inserito quindi primo obiettivo dung :D

E' un Nikkor AF60 quindi sulla mia macchina fuoco manuale obbligatorio.

Il cavalletto c'è e devo dire che è un gran bel cavalletto :bye:

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: dom 3 apr 2011, 10:31
da mfilippa
Ok l'obiettivo quindi è il meglio possibile, ma a parte "dung" :lol: che sono "limit" e "full"?
Ottima descrizione delle caratteristiche qui http://www.kenrockwell.com/nikon/60mm-afd.htm
Se qualcuno ha un obiettivo così (Nikkor 60 Micro AF-D) e vuole disfarsene, mi faccia un fischio! :)

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: dom 3 apr 2011, 12:06
da Artù
Odio dirlo ma per chi si avvicina al mondo reflex Canon fa prodotti infinitamente più friendly :( Prendi una reflex qualsiasi inquadri e scatti.. fa tutto lei e ti restiutisce foto subito usabili. Poi, quando hai imparato ad usarla, Nikon siriprende e alla grande :D
Comunque a parte i toni più o meno bluastro/argentati nelle foto di Carlo ci sono difetti di messa a fuoco e micromosso in quella di Mario (che però ha usato un'ottica lunga che secondo me va meglio per fotografare altro) disturba un po' lo sfondo. Penso che ci siano persone decisamente più esperte di me in forum per la macro fotografia solo per citarne qualcuna (Patty, Bruno, Micogian ecc.) e perciò spero che anche loro possano dare dei consigli validi.
Comunque per poterli dare ho bisogno di vedere gli exif delle foto per capire cioè come è impostata la fotocamera.
Inoltre sono ormai anni che scatto solo in nef (raw) impostando tutto su neutro cioè togliendo tutte le regolazione che fa la fotocamera come vividezza contrasto saturazione ecc. ecc. anche s secondo alcuni una volta trovate le giuste regolazioni non c'è praticamente differenza tra lo scatatre in raw o direttamente in jpg: personalmente non le ho trovate e le correzioni che riesco a afre in camera chiara agendo su raw mi consentono anche piccoli difetti di tecnica o fare le foto in condizioni non ottimali

Vi allego per esempio una orchidea fotografata ieri sera in condizioni di luce difficile erano le 16 circa e il sole ancora alto e con molto vento
Immagine

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: dom 3 apr 2011, 12:20
da carlo
mfilippa ha scritto:Ok l'obiettivo quindi è il meglio possibile, ma a parte "dung" :lol: che sono "limit" e "full"?
Ottima descrizione delle caratteristiche qui http://www.kenrockwell.com/nikon/60mm-afd.htm
Se qualcuno ha un obiettivo così (Nikkor 60 Micro AF-D) e vuole disfarsene, mi faccia un fischio! :)
Giusto il link...è proprio quello...Si vede il tasto di sblocco limit-full. Nella posizione di full si ha la massima fuoriuscita dell'obiettivo e consente di avvinarsi al soggetto a 7,3 cm come mostra la foto macchina-pupazzo...
Comunque stamattina decisamente meglio ;)

E devo dire che anche con il 18-55 si riesce a lavorare bene con funghi non piccolissimi.

Bisogna maturare esperienza

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: dom 3 apr 2011, 15:04
da mfilippa
che però ha usato un'ottica lunga che secondo me va meglio per fotografare altro
Sì. Quando i soggetti sono molto piccoli, ben più piccoli di quelle Discina, la focale più lunga aiuta enormemente l'illuminazione del soggetto, sia naturale che flash. Io ho il 100 perchè mi sembrava ideale sulla reflex a pellicola, sulle digitali (per funghi non troppo piccoli) è probabilmente meglio il 60 (che prima o poi comprerò).
ci sono difetti di messa a fuoco e micromosso in quella di Mario
Vedo che non è perfettamente nitida, ma davo colpa all'obiettivo (vedi foto!!!). Infatti per la messa a fuoco, ci sono dettagli fuori fuoco sia più avanti che più indietro del punto di fuoco quindi almeno qualche dettaglio perfettamente a fuoco c'è per forza.
Il micromosso forse non lo so riconoscere, ritieni che ce ne sia? Io non vedo mosso neanche il pelucco bianco che c'è nel crop... dimmi qualcosa in più please :)

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: dom 3 apr 2011, 16:03
da mykol
Carlo, se hai il Nikkor 60 Micro AF-D è sicuramente il miglior 60 mm nikon per fotografare i funghi, in quanto è quello che ti consente di chiudere di più il diaframma con minor decadimento dell'immagine. Il nuovo micro nikkor 60 da questo punto di vista è inferiore (anche se ha altri vantaggi ..., ma si sa, i macro di ultima generazione sono ottimizzati per fare ritratti !).

Macro di lunghezza focale maggiore sono utili per avere inquadrature diverse (forse più naturali ?), per fotografare insetti, ecc..., consentono di posizionare più facilmente i flash nella macro spinta, ecc... ma per la quasi totalità delle foto che facciamo noi, non credo siano migliori.

Anzi, il "micromosso" si accentua inevitabilmente ! Vi si può porre rimedio (entro certi limiti) attivando (se la fotocamera lo consente) il ritardo dello scatto rispetto all'alzo dello specchio (nella D90 è di 1 secondo) che da alla fotocamera il tempo di attenuare le inevitabili vibrazioni al momento dello scatto.

Oppure, usare il flash con tempo sufficentemente veloce (in modo da non avere immagini satellite dovute alla luce ambiente)od ancora usare un robusto cavalletto (ma robusto davvero.... e quindi pesante assai !)ed un tempo di almeno alcuni secondi tali che nell'economia generale dello scatto le poche vibrazioni risultino ininfluenti !

Se poi non usate il flash l'ombrellino bianco che attenui il contrasto di illuminazione tra le parti bianche in piena luce e quelle scure in ombra è assai utile (i sensori digitali hanno una latitudine di posa inferiore alla classica pellicola dia 100 ASA)

Un'altra soluzione da sperimentare è quella di usare le moderne lampade a led che permettono di modellare la luce nel modo voluto senza arrostire il soggetto.

Artù, perfettamente d'accordo che scattare in RAW permette di modellare come si vuole tutti i parametri della foto (eccetto l'inquadratura e la messa a fuoco), ma se si riesce ad impostare correttamente la fotocamera è un lavoro già fatto.

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: dom 3 apr 2011, 16:27
da bruno
Ciao a tutti,
se volete racconto la mia esperienza credendo di non saperne di più di voi, ognuno si faccia una propria idea.

Ho tre 60 micro AF-D, .....me li consumo stagione dopo stagione. A forza di manipolarli, nella messa a fuoco solo ed esclusivamente manuale, i meccanismi s'induriscono e non hanno un bel movimento fluido, ma il 60 me lo porto a letto, non saprei privarmente (anche perchè ci faccio bella figura, con il 180 gia sarebbe un problema :D ),.
Credo che per noi che fotografiamo funghi sia l'obiettivo per eccellenza, non abbiamo il problema di avvicinamento, dobbiamo con uno scatto raccontare anche un pò di habitat e quindi avere la maggior profondità di campo possibile, dobbiamo avere un'immagine con colori più fedeli possibili. Il 60 fa tutto questo, poi ho anche il 105 e mi diverto molto con il 180.
Inutile spendere soldini per corpi macchina e risparmiare sugli obiettivi, è esattamente il contrario.
La mia esperienza mi ha portato a capire che è meglio puntare su buoni usati ma di fascia professionale, le occasioni capitano a volontà, è meglio una D2x che ha una capacità di restituire files altamente definiti a 100 ISO ancora da invidia, l'ho usata per un paio d'anni ed è fantastica, ce l'ho ancora con me pronta ad entrare in gioco se la D3 ha voglia di fermarsi un attimo,
la D2x l'ho vista vendere su http://www.newoldcamera.com/index.aspx, sito serissimo e con una vetrina di novità in costante aggiornamento, a 490 euro, un prezzo che non ci si può credere, me ne sarei comprata un'altra.
Tornando in argomento, Carlo mi perdonerà, ma tranne la prima foto le altre sono sbagliate, nessuna ha il soggetto perfettamente a fuoco, molto probabilmente la focale scelta è molto aperta, f4-f5,6, e conseguentemente i tempi non permettono di dare profondità all'immagine.
Patrizia che veniva da una vita di fotografia analogica inizialmente si è trovata imbarazzata con la sua ottima D200, me lo ricordo, ma adesso potete vedere che foto che fa, quindi tutti noi abbiamo dovuto soffrire un pò inizialmente, poi, pian pianino, si entra in confidenza con la "macchinetta" e si migliora, quindi Carlo non ti scoraggiare.
La mia fotografia è:
- ISO il più basso possibile, mai sopra ai 200
- Cavalletto robusto con una testa adeguata per la macro/foto ravvicinata
- Focali che si aggirano intorno a f18-f20
- Sollevamento anticipato dello specchio
- Autoscatto o meglio telecomando
- Solo Raw/Nef
- Tutti i parametri azzerati
- Cercare di capire lo scatto prima dell'esecuzione, massimo 2 scatti per inquadratura
- Fotoritocco ridotto all'essenziale, un pò di nitidezza e luminosità
- Quando serve, in condizioni di luce non buona, l'uso di due flasshetti.
Ricordiamoci sempre che capiterà di avere delle giornate che faremo delle belle foto ed altre brutte, lo studio della luce è fondamentale per la fotografia, forse è l'unica cosa insieme ad amare quello che si fa.

@Mario - se vuoi arrangiarti un pò con il un mio 60 te lo presto volentieri, sappi che non è nuovissimo ma intanto...

ciao a tutti con una delle mie ultime foto con il 60, ancora abbiamo tanta neve...ma anche, finalmente, la Primavera.

bruno

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: dom 3 apr 2011, 17:41
da carlo
Grazie Amici
Bruno, ho diligentemente appuntato tutto ;)
Se mi vedo preso, scatto attraverso il mirino di questa con una delle vecchie macchine :lol:

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: dom 3 apr 2011, 18:20
da mykol
sono d'accordo con te Bruno che per usare il cavalletto ne devi avere uno di quelli veramente furbi, stabili (quindi di peso adeguato)ma assai onerosi da portarsi appresso.
Ricordo un amico prematuramente scomparso, che ad un comitato alpino organizzato da Jamoni sul Monte Rosa ad una escursione a Punta Indren(Daniele, hai capito di chi parlo ?)a fine agosto, si portò appresso oltre allo zaino (con tutto l'abbondante necessario per i 3000 metri) in una giornata rivelatasi poi piovosa e nevosa, la sua reflex con obiettivi vari ed un megacavalletto stabile a sufficienza . Mi raccontò poi che ebbe più volte durante la giornata la tentazione di scaraventare tutto giù da un dirupo ...

Ovvio che se hai i funghi fuori dalla porta di casa è la soluzione migliore, secondo me assieme all'ombrellino bianco per attenuare la luce e ridurre il contrasto nelle giornate assolate e luminose.

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: dom 3 apr 2011, 18:53
da bruno
Ciao Giorgio,

purtroppo non ho funghi fuori casa, o meglio, ce li ho ma sui monti e quì bisogna sempre scendere e salire, insomma siamo dei montanari.
Mia moglie dice che sono un pazzo a portarmi tutto quel peso addosso però quando ti prende la pazzia non c'è niente da fare.
Se non ci sono funghi mi viene veramente voglia di buttare tutto ma arriva anche il momento che mi diverto veramente e fotografo per il solo gusto di farlo....un pò come avrebbe fatto il Battarra che ha citato Mario in altro 3d.

Il cavalletto è fondamentale, caso contrario è meglio non affidarsi ad una reflex e fare foto, tra l'altro anche molto belle, con una buona compatta.

Ecco in azione il mio un Benro in fibra di carbonio......ma pesa lo stesso.

ciao

bruno

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: lun 4 apr 2011, 13:48
da Micogian
Sulla necessità di usare il cavalletto sono assolutamente d'accordo.
Profondità di campo vuol dire "chiudere il diaframma" e allungare i tempi, impossibile farlo a mano libera con una reflex e con diaframma chiuso.
Lo so che pesa ma è peggio accorgersi che tutte le foto fatte senza cavalletto sono da buttare.
Io uso un Manfrotto, sufficientemente robusto e quindi pesante. Non è in carbonio perchè la cifra richiesta era esattamente il doppio. L'ho accorciato e me lo porto nello zaino.
Come obiettivo uso il 60 micro della Nikon, ottimo e almeno quello, "leggero" mentre le fotocamere sono una vecchia ma sempre valida D70 e una DX2 presa usata in ottime condizioni.

Considerando che le immagini sono destinate al Web non uso il "raw", forse perchè non mi sono mai posto il problema e non ho mai fatto prove serie in tal senso, uso un JPG "fine".

Altro accorgimento che spesso utilizzo per evitare il "mosso", l'autoscatto o il cavetto telecomandato.

Gianni :bye:

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: lun 4 apr 2011, 14:03
da bruno
Ottimo Gianni,
ti innamorerai della D2x e della sua definizione, l'ho lasciata solo perchè volevo fare un pò d'esperienza con il pieno formato,
ma la risistemerei subito nello zaino.
L'unica cosa che mi sento di suggerirti è di fotografare in NEF, la qualità della foto è nettamente superiore, prova.

ciao

bruno

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: lun 4 apr 2011, 21:23
da mfilippa
Grazie in particolare a Bruno, i tuoi consigli vista la qualità delle tue immagini sono preziosissimi! Quel che dici è ovviamente condivisibile e con un po' d'impegno è fattibile da tutti, salvo che questo punto
- Cercare di capire lo scatto prima dell'esecuzione, massimo 2 scatti per inquadratura
che è il problema più grosso per me. Anche perché ho scattato migliaia di dia con 2 flash e adesso che vorrei usare quando possibile la luce naturale vedo che mi manca la sensibilità su come usarla al meglio.
Ti ringrazio moltissimo per l'offerta dell'obiettivo, non penso sia il caso, ho già provato quello di mykol e ho già deciso di acquistarlo: guarda, se vuoi disfarti di uno dei tre, lo compro io (possibilmente quello che non usi portarti a letto :lol: )!
:bye:

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: lun 4 apr 2011, 22:10
da patty
Ciao,
Beh! , avete già detto tutto e molto meglio di quanto avrei potuto farlo io, che conosco il minimo indispensabile per fare buone foto…e che comunque non sono paragonabili alla qualità di quelle di Bruno. :student:
io ho un vecchio AF MICRO NIKKOR 60 mm. D…e me lo tengo ben stretto!!! :wub:
Due volte l’ho fatto pulire per riavere un buon scorrimento delle ghiere che con il tempo, usandolo spesso in condizioni terribili, tendono infatti a divenire “dure”…


Posso aggiungere che io vado un po’ controcorrente in fatto di utilizzo del cavalletto: tranne quando voglio fare un soggetto a luce naturale (che comunque per me è molto più difficile da gestire,senza incorrere in dominanti) o in condizioni di scarsa luminosità ambientale, da tempo quando fotografo in campo, lo “dimentico” in auto. Gestico le mie foto con l’uso del piccolo flash incorporato nella mia D200 e,in caso di necessità per mancanza di luce aggiungo un flash ausiliario. Cerco sempre di poter avere il soggetto al sole, o in buona luce, e il mescolare la luce leggera del flashettino ,con quella solare, ho scoperto che mi da risultati molto buoni. E inoltre questo mi permette di chiudere in buona misura il diaframma. E poi mi permette anche, con la macchina fotografica in mano, di inquadrare il soggetto in modo molto più plastico, che con il corpo macchina fisso sul cavalletto . Riconosco che ho un pregio invidiabile, cioè una mano molto molto ferma…
Poichè fotografo molto anche piante fiori e piante, che a differenza dei funghi, in pochissime occasioni stanno fermi immobili, il leggero lampo del flashettino mi permette di fermare bene l’immagine con il soggetto mosso anche da un piccolo alito di vento. Devo dire che posso fare questo, con la mia D200, perché il mio 60 mm è il vecchio modello: l’ultimo uscito (che ho provato) non me lo permetterebbe, perché la sua forma più bombata copre parzialmente il raggio di azione del piccolo flah della macchina, creando una zona d’ombra. Per cui spero che nonostante sia vecchiotto ,mi duri in eterno!!! :D
Per i soggetti molto piccoli, che fotografo a casa, qualche anello di prolunga, la macchina su un piccolo stativo ( ma va bene anche il cavalletto), diaframmi chiusi e luce del flash, e naturalmente il sollevamento anticipato dello specchietto per evitare il micro mosso.
Per il resto ho visto che la macchina gestisce molto bene le impostazioni di base per conto suo ( bilanciamenti automatico del bianco, ad es. ) ; poi Iso di solito 125, priorità di diaframmi e sempre NEF!
Altra cosa che ho impostato fisso è la visualizzazione dell’istogramma, dopo lo scatto: io guardo solo quello, mai l’mmagine, per capire se ho fatto una buona foto o è da rifare

Carlo, è proprio così,coma ha detto Bruno: quando sono passata dall’analogico al digitale, all’inizio facevo delle schifezze notevoli, ed ero parecchio demoralizzata, ma poi pian piano provando e riprovando ho trovato le impostazioni giuste per fare foto migliori: ci vuole un po’ di tempo e tanta pazienza per prendere confidenza con la macchina ed acquisirne sensibilità.
Vedo che hai risolto il problema Full-Limit…. :D
Una cosa importante da impostare bene è anche la misura dell’esposizione (io imposto su Color matrix, per la mia macchina) e le aree di messa a fuoco….

:bye: Patty

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: lun 4 apr 2011, 23:06
da mfilippa
L'ho accorciato e me lo porto nello zaino.
Questo mi incuriosisce molto! In effetti stavo valutando un cavalletto relativamente piccolo, proprio per aver voglia di portarlo in giro (poi se non ne avrò voglia lo lascerò in macchina come dice Patty). Ma meno pesa ed ingombra, più volte vorrò portarlo.
Ho notato che in molti casi i mega cavalletti vengono usati "appiattendoli" molto con la macchina poi relativamente vicina a terra, quindi pensavo a costo di rinunciare a quella parte di foto con soggetto in alto (es. su un tronco ad altezza d'uomo, o che so) proprio di puntare su un cavalletto non troppo alto. Quindi meno peso e ingombro.
Ma la possibilità di "accorciarlo" non l'avevo considerata... E' una modifica fatta da te, Gianni, o una possibilità prevista da alcuni cavalletti (es. eliminare alcuni elementi delle gambe)?

Re: Prove tecniche 020411

Inviato: mar 5 apr 2011, 0:14
da carlo
patty ha scritto: Carlo, è proprio così,coma ha detto Bruno: quando sono passata dall’analogico al digitale, all’inizio facevo delle schifezze notevoli, ed ero parecchio demoralizzata, ma poi pian piano provando e riprovando ho trovato le impostazioni giuste per fare foto migliori: ci vuole un po’ di tempo e tanta pazienza per prendere confidenza con la macchina ed acquisirne sensibilità.
Vedo che hai risolto il problema Full-Limit…. :D
Una cosa importante da impostare bene è anche la misura dell’esposizione (io imposto su Color matrix, per la mia macchina) e le aree di messa a fuoco….

:bye: Patty
Ho scattato molto in anni passati con una reflex Minolta x300s (?) con obiettivo macro ed anche lenti addizionali :lol: Comprata nel 90, possiedo 6-7000 dia di funghi ed escursioni..
E che dire dei soldi che si spendevano in rullini dia 50 ASA ? :ambul:
Comunque si tratta di abituarsi allo strumento e come dicevo già alla seconda uscita di domenica i risultati sono stati migliori...
Quello che è certo la fotografia non è la mia passione... :( (e si era capito...)
Mi basta raggiungere dei risultati decenti per cercare di testimoniare discretamente i ritrovamenti di funghi, questi si la mia passione :D